L'apertura di una societa' di diritto statunitense e' il primo passo per la richiesta dei visti E2 Investitore, essenziale per chi vuole investire negli Stati Uniti nel lungo termine. Per la richiesta del visto B1 Business avere una societa' in America non e' un requisito


Investitori e soci di societa' americane come la corporation possono presentare richiesta per ottenere i visti E2 Investitore. Chiunque debba recarsi negli Stati Uniti per affari puo' presentare richiesta per ottenere il visto B1 Business



Attraverso una rete di studi legali e di avvocati americani specializzati ExportUSA affianca investitori e soci di societa' americane nel processo di richiesta ed ottenimento dei visti per gli Stati Uniti E2 Investitore e B1 Business


visto E2 Stati Uniti per investire in AmericaGli Stati Uniti hanno un programma di visti dedicato a investitori e a soci di corporation di diritto statunitense, si tratta dei visti B1 business ed E2 Investitore. Quest'ultimo un requisito fondamentale per coloro che vogliono investire negli Stati Uniti ed avere la flessibilita' di gestire gli investimenti di persona dagli Stati Uniti.

Soddisfatte certe condizioni, l'investitore o il socio di una corporation possono iniziare la procedura di richiesta dei visti per l'America B1 - business ed E2 - Investitore.


Visto B1 - Visto Business per l'America

Questo visto consente una permanenza negli Stati Uniti piu' prolungata rispetto al visto turistico. E' tipicamente il tipo di visto rilasciato a coloro che vogliono esplorare possibilita' di investimento negli Stati Uniti, attivita' che quindi richiede tempi piu' lunghi rispetto alla semplice visita di piacere o vacanza.

Per ottenere il visto B1 e' necessario preparare un mini business plan che dettagli l'attivita' che si intende svolgere negli Stati Uniti. Essere soci di una societa' di diritto americano come una corporation non e' necessario in questa fase anche se puo' aiutare.

Il visto B1 Business permette di rimanere continuativamente negli Stati Uniti per periodi di sei mesi alla volta. Il visto B1 viene rilasciato per una durata che può variare da uno a dieci anni.

Il tempo necessario per preparare la pratica del visto B1 business e' di 2 - 4 settimane e viene svolta presso il consolato o l'ambasciata americana in Italia. Per ottenere il visto B1 Business per gli Stati Uniti e' necessario sostenere un'intervista presso una qualsiasi sede consolare degli Stati Uniti d'America in Italia.

Con il visto B1 Business si può lavorare in America?

No. Il visto B1 non permette di lavorare in America. Il visto B1 serve solo per "fare business" ovvero condurre tutte le attività accessorie al lavoro vero e proprio. Innanzitutto definiamo bene cosa vuole dire "lavorare in America". Se io vengo messo a libro paga da una ditta in America quello è lavoro [nel caso specifico "lavoro dipendente"]. Se eseguo consulenze o prestazioni di lavoro autonomo per le quali vengo retribuito quelloquol dire "lavorare". Esempi ancora più pratici: se aiuto un amico a servire ai tavoli nel suo ristorante a New York, lui non mi paga ma io ricevo le mance dai clienti, quello, per le norme vigenti in America vuol dire "lavorare".

Tutte queste cose con il visto B1 Business non si possono fare. Con il visto B1 posso visitare clienti per parlare della mia attività, servizio o prodotto; posso incontrare professionisti per consulenze varie [avvocati, commercialisti, ExportUSA, magazzini, spedizionieri etc.]; possso fare colloqui di lavoro a persone che intendo assumere, posso cercare i locali per aprire un ristorante o un ufficio, posso consegnare ai clienti contatti e ordini di acquisto ma senza concluderli io in quel preciso omento e luogo etc. Tutti questi tipi di attività incorporano l'idea di "business" che il visto B1 mi permette di fare. 

Visto B1 - Industrial Worker

All'interno della categoria generale del visto B1 Business per gli Stati Uniti, esistono poi due sotto categorie di visti B1 riservate a scopi ben specifici. Una di queste e' il B1 Industrial Worker che è dedicata a personale tecnico [operai, montatori, tecnici, installatori etc.] che devono recarsi in America per eseguire lavori appunto di tipo tecnico come assemblare arredi, riparare o montare  macchine industriali, avviare o testare un impianto o una linea di produzione, eseguire lavori in garanzia per macchinari o altro, etc.

In tutti questi casi normalmente si usa la procedura di ingresso per lavori temporanei chiamata "Backup Letter" e discussa in altra pagina del nostro sito. Esistono però casi in cui la "Backup Letter" non si può usare ovverossia quando il lavoratore che si deve recare negli Stati Uniti deve rimanere oltre gli 89 giorni previsti nel Visa Waiver Program [l'ESTA per intenderci...] oppure quando il tecnico che deve andare in America è cittadino di un paese che non rientra nell'accordo di Visa Waiver con gli Stati Uniti, ad esempio Egitto oppure Albania. In questi casi la soluzione è la richiesta di un visto B1 Industrial Worker con l'avvertenza che l'intervista per il rilascio del visto B1 può essere fatta solo presso un consolato americano del paese di residenza [quindi se devo inviare un lavoratore di nazionalità albanese in America e questa persona è legalmente residente in Albania, l'intervista con il consolato americano la dovrà sostenere in un consolato in Albania] 

Visto B1 - Perspective E2

La seconda categoria di visti B 1"di scopo", per così dire, è quella riservate a investitori italiani che stanno preparando la richiesta di visto E2 Investor. Per realizzare l'investimento necessario a richiedere il visto E2 serve del tempo: bisogna aprire la società, bisogna aprire il conto corrente in America, prendere in affitto l'ufficio, acquistare macchinari o attrezzature, spedire le scorte, avviare le attività e quant'altro.. ci vuole tempo, l'investimento non si realizza dall'oggi col domani. Nelle more dell'attesa perchè le condizioni del visto E2 maturino, serve uno strumento giuridico che permetta all'investitore di recarsi in America e di restare oltre agli 89 giorni previsti dall'ingresso con l'ESTA [grossolano, ma giusto per capirci..] Il visto B1 Perspective E2 integra la funzione di questo strumento.

La richiesta di visto B1 Perspective E2 è solo per persone che hanno in corso di realizzazione un investimento negli Stati Uniti finalizzato alla richiesta di visto E2 Investor. Il visto B1 Perspective E2 viene rilasciato normalmente per la durata di un anno ed entro questo anno va presentata la richiesta di visto E2.


Visto E2 - Visto Investitore per l'America

Il visto E2 per l'America e' riservato all'investitore che ha realizzato un investimento inegli Stati Uniti che, come viene definito dalle norme americane, deve essere "substantial" dovendosi pero' intendere tale requisito non in senso assoluto bensi' in relazione al tipo di attivita' che ci si propone di avviare negli Stati Uniti.

In altre parole, se voglio investire in America per costruire una fonderia e mi propongo di investire $50000 non potro' essere considerato un investitore "substantial".

Se lo stesso investimento si riferisce all'apertura di un ristorante, bar, gelateria o studio di fotografo in America ecco che le prospettive cambiano.

Approfondimento sulla pratica per la richiesta del visto E2 Investitore per gli Stati Uniti d'America

Per preparare una richiesta che abbia una concreta possibilita' di successo e' assolutamente necessario che la pianificazione dell'investimento sia condotta per tempo ed in maniera oculata.

=> Suggerimenti su come impostare l'investimento per la richiesta del visto E2 Investitore per gli Stati Uniti


Il visto E2 per gli investitori in America dura 5 anni ed e' rinnovabile. Per l'ottenimento di questi tipo di visto occorre preparare un business plan dettagliato che copra almeno cinque anni di attivita'.

In particolare, il business plan che sottende alla procedura di richiesta e rilascio del visto E2 per investimenti in America, deve evidenziare l'entita' dell'investimento iniziale. In altre parole, non si puo' basare il piano di investimento solo sul capitale circolante e sui flussi di cassa generati dall'attivita' tipica d'impresa, occorre provare che sono stati investimenti in America con fondi di provenienza italiana.

Preparato il business plan, il passo successivo per ottenere il visto E2 e' quello di comprovare nei dettagli l'investimento negli Stati Uniti.

In seguito, vanno compilate due richieste di visto distinte che, accompagnate da una lettera di presentazione preparata dallo studio legale specializzato in pratiche di immigration con cui lavoriamo, vengono presentate al Consolato Americano a Roma.

L'ultimo passo per il rilascio del visto E2 Investitore e' l'intervista presso il Consolato Americano a Roma. In termini pratici, il visto E2 permette la massima flessibilita' a chi intende investire negli Stati Uniti in quanto permette di recarsi a piacimento negli Stati Uniti e di soggiornarvi fino alla scadenza del visto o al rinnovo del visto E2 stesso.

Preparare il business plan per la richiesta del visto E2

La preparazione del business plan è una parte fondamentale per preparare la pratica di richiesta del visto investitore per gli Stati Uniti e va affrontato con serietà. Scaricare ed utilizzare un business plan da internet è una pessima idea. Il business plan è l'unica parte della richiesta del visto E2 dove avete la possibilità di spiegare con libertà di linguaggio alle autorità consolari americane in cosa consiste la vostra idea di investimento. È un'occasione che non va sprecata. Ricordatevi che il solo fatto di presentare la richiesta di visto E2 fa scattare su di voi la presunzione che vogliate emigrare permanentemente negli Stati Uniti. Dovete usare ogni possibilità per vincere la presunzione e il business plan è una di queste e quindi la sua preparazione va presa con la massima serietà.

Allo stesso modo dovete tenere presente che non state preparando il business plan per quotarvi in borsa al NASDAQ. Il business plan per la richiesta di visto E2 serve per spiegare ad una persona che non vi ha mai visto prima che cosa pensate di andare a fare in America e come pensate di investire negli Stati Uniti. Non servono quindi analisi, regressioni, sensitivity analysis, analisi dei flussi di cassa e quant'altro.. quello che serve è la chiarezza innanzitutto.

Importante: anche per preparare la richiesta di visto B1 Business ci sentiamo ormai di raccomandare la preparazione di un business plan in versione ridotta.


ExportUSA affianca investitori e imprenditori per l'ottenimento i visti B1 business ed E2 investitore per gli Stati Uniti in cooperazione con studi legali americani specializzati in "immigration law" con cui lavoriamo da anni per tutte le esigenze legate ai visti business e da investitore per l'America.