+39 0541-709073

Continuano le acquisizioni di aziende alimentari di nicchia negli Stati Uniti da parte dei grandi produttori in America: da Heinz a Hershey. La acquisizione di produttori di nicchia e' più conveniente dal punto di vista strategico rispetto allo sviluppo di una nuova linea di specialità alimentari

Il cambiamento dei gusti alimentari e delle tendenze di acquisto di prodotti alimentari negli Stati Uniti d'America, trainato dall'ingresso sul mercato dei Millennials, spinge i grossi produttori alimentari americani all'acquisizione di produttori specializzati in prodotti alimentari di nicchia


Dai produttori di latte di mandorle ai fornitori artigianali di carne e burro vegetale, molti produttori specializzati americani sono stati acquisiti da gruppi alimentari statunitensi piú grandi negli ultimi 18 mesi. Con maggiori risorse, tra cui portata geografica, ricerca e sviluppo e scala operativa, i grossi gruppi alimentari sembrano offrire un affare irrinunciabile ai produttori di specialità alimentari di nicchia. Dall’altra parte, i produttori specializzati offrono ai grandi produttori alimentari americani  l'opportunità di diversificare l'offerta e raggiungere quei consumatori che oggi trainano il cambiamento dei gusti e delle tendenze di acquisto nel settore dei prodotti alimentari negli Stati Uniti d'America.

Negli Stati Uniti le tendenze alimentari stanno cambiando velocemente: non è un segreto che i consumatori stiano cominciando ad evitare alcuni alimenti confezionati e processati in favore di alternative naturali ed organiche. Al fine di rimanere rilevanti ed ottenere un punto d'appoggio in questo mercato in continua crescita, le grandi aziende alimentari sono state costrette ad adattarsi a queste nuove tendenze. Rimanere al passo pero' non e' facile ed e' per questo che le grosse case alimentari in America trovano più sicuro, veloce e conveniente acquisire piccoli produttori specializzati che sono molto più in sintonia con le nuove tendenze di acquisto delle specialità alimentari negli Stati Uniti.

Alla luce dei cambiamenti nelle abitudini alimentari dei consumatori, i prodotti naturali e biologici sono diventati ricercati e di moda, il che ha portato ad un aumento dell'attività di acquisizione", spiega John Barrymore, dirigente del dipartimento M&As nella società di servizi finanziari Duff & Phelps. "Le grandi aziende alimentari americane devono trovare il modo di rimanere rilevanti per il consumatore finale e continuare a conseguire una crescita delle vendite".


Acquisizioni dettate dall'esigenza di seguire il cambiamento dei consumi in AmericaVantaggi nell'acquisizione di piccoli produttori alimentari di nicchia rispetto allo sviluppo di una linea di prodotti nuovi

Barrymore sostiene che per le aziende più grandi i rischi associati alle acquisizioni di piccole aziende operanti in categorie in crescita col fine di integrarle nelle operazioni esistenti sono minori rispetto a quelli relativi alla creazione e sviluppo di un nuovo marchio o prodotto. Riconoscendo la popolarità della tendenza a preferire spuntini organici e naturali, molte aziende stanno attuando diverse acquisizioni per arricchire i loro portafogli.

Per le aziende più piccole, i benefici possono essere altrettanto attraenti. Le relazioni consolidate con i clienti e le vendite e le infrastrutture di marketing più robuste dell’azienda madre permettono di aumentare le vendite e la distribuzione della società acquisita, spiega Barrymore. "Le piccole imprese che sono riuscite a crescere rapidamente e a stabilire un marchio forte nel mercato hanno attirato valutazioni elevate da parte degli acquirenti strategici alla ricerca di crescita ed espansione".

Con vantaggi per diversi attori coinvolti nel processo (imprenditori, piccole imprese, acquirenti aziendali, rivenditori e consumatori), Barrymore ritiene che negli Stati Uniti questo aumento di attività di acquisizione sia positivo per l'industria alimentare specializzata. “Le risorse dell’acquirente possono realizzare la visione del fondatore e fornire una significativa opportunità di monetizzazione che potrebbe non essere disponibile attraverso altre alternative", dice.

Inoltre, le risorse offerte dai grandi acquirenti in campo alimentare possono essere vantaggiose per i consumatori grazie ad analisi di marketing, category management e spesa promozionale. "I consumatori traggono beneficio da prezzi efficienti e accesso alle informazioni sui prodotti, così come dalla sicurezza derivata dalla presenza di un brand famoso a supporto di uno emergente” sostiene Barrymore.


Hershey e Krave Jerky - Un'acquisizione strategica per differenziare l'offerta ed entrare velocemente in un nuovo segmento di mercato in America

In una delle recenti acquisizioni più sorprendenti, il gruppo alimentare americano specializzato in dolciumi Hershey Co., ha acquistato Krave Jerky nel mese di gennaio 2015, nell'ambito di un accordo del valore di quasi 219 milioni di Dollari. Ѐ stata la prima acquisizione da parte di Hershey al di fuori dell’universo delle caramelle, e l’azienda ha promesso che continuerà con un processo di espansione piú vario e diversificato. Il primo frutto delle due società, il Krave Bar, debutterà il prossimo mese e comprenderà frutta secca e quinoa mescolate con tacchino, carne di manzo o di maiale.

"La partnership con Hershey ha ampliato in modo significativo le risorse a disposizione del marchio per l'innovazione e la distribuzione in America, aumentando la nostra presenza nella specifica categoria", dice Rusti Porter, direttore marketing di Krave. La società ha affrontato con successo le sfide associate all’incorporazione in un business molto più grande, soprattutto con l'approccio e l'intenzione di Hershey di dare a Krave “libertà all’interno di un quadro definito".

"Questo ci ha permesso di rimanere agili e potenti e di aiutare allo stesso tempo nella guida delle funzioni aziendali chiave con le nostre risorse e competenze" sostiene Porter.

Sempre secondo Porter, mentre la missione di Krave è ora parte di una visione più ampia all'interno di Hershey, l'azienda acquisita è stata in grado di rimanere salda alle sue radici mantenendo la sede nel vivace centro culinario di Sonoma, California. Inoltre, la società prevede di rimanere fedele ai suoi piani di interrompere e rivoluzionare la categoria degli spuntini a base di carne con l'introduzione di nuovi formati e sapori di ispirazione per accrescere il numero di consumatori.


Hormel Foods e Justin’s - Acquisizione di una azienda alimentare di nicchia per muoversi a valle nel processo di distribuzione al consumatore finale con un prodotto ad alto margine con l'obiettivo di moltiplicare i volumi di vendita

In un altro buyout di alto profilo, Hormel Foods ha recentemente annunciato l'acquisizione di Justin's, produttore di caramelle e burro vegetale naturale e biologico, per un valore di 286 milioni di Dollari. In una video-dichiarazione sulla pagina Facebook della società, il proprietario di Justin, Justin Gold, ha spiegato che Hormel ha offerto il giusto mix di eccellenza operativa in materia di burro di arachidi e burro di mandorle, dimostrando di comprendere ed incoraggiare la sua missione e i suoi obiettivi.

L'obiettivo è stato quello di portare il business ad un livello abbastanza alto per trovare il partner operativo ideale che ci portasse ancora piú in alto” ha detto nella dichiarazione.

"Amano Justin e vogliono che Justin continui ad essere di Justin" ha detto il proprietario, aggiungendo anche che Hormel "può davvero aiutare a crescere la nostra attività in modo significativo nelle aree di approvvigionamento delle materie prime, qualità, sicurezza, ampliamento del sistema di distribuzione e molto altro".

Conoscere ciò che il produttore specializzato è in grado di offrire è quindi fondamentale.

"Naturalmente deliziosi, i burri vegetali, gli spuntini di burro vegetale e il burro di arachidi organico di Justin si allineano perfettamente con il nostro obiettivo di integrare i nostri marchi esistenti con nuove offerte mirate per i consumatori più giovani, on-the -go e più attenti alla salute", ha annunciato Jeffrey Ettinger, presidente del consiglio di amministrazione e CEO di Hormel Foods, in un comunicato stampa.


C&S Wholesale Grocers e Davidson Specialty Food - Acquisizione di un distributore americano specializzato da parte di una catena di distribuzione di portata nazionale per entrare velocemente nel mercato e nella distribuzione di prodotti naturali negli Stati Uniti

Dal punto di vista della distribuzione, C&S Wholesale Grocers ha acquisito Davidson Specialty Foods nel mese di giugno con la promessa di espandere Davidson a nuovi prodotti, clienti e mercati geografici. Per Robert Rowe, presidente di Davidson, l'acquisizione ha significato grandi opportunità di crescita, senza cambiare le modalità di gestione dell’azienda.

"Finora le risorse disponibili sono stati il più grande vantaggio", spiega Rowe. "Anche il numero di nuove opportunità che C&S offre ai clienti permettono una crescita al di là di qualsiasi cosa avrei mai potuto immaginare prima". Mentre Rowe confessa che la comprensione della strategia go-to-market di C&S e l’abilità di apprendere come le aziende possano lavorare insieme per migliorare le operations non sono stati processi semplici, le imprese hanno anche individuato sinergie in diversi settori, cosa che aiuterà a controllare i costi.

Rowe sostiene che la strategia di business per Davidson rimarrà la stessa e l'azienda si impegnerà a non cambiare in modo radicale. Avere tutti i dipendenti assunti da C&S con poco o nessun cambiamento ed essere in grado di operare come al solito ha reso la transizione piuttosto semplice e continuativa.