+39 0541-709073

L’importanza di avere un brand ben costruito

Presentarsi con un’identità ben delineata è fattore critico per avviare le relazioni commerciali negli Stati Uniti


 

creare un brand negli stati uniti




Un’attività commerciale, proprio come la persona che la rappresenta, deve avere ben chiara la sua identità e il suo obiettivo per poter avere successo

Il brand con cui ti presenti sul mercato racchiude e riassume tutte le caratteristiche che vuoi comunicare al tuo cliente

Ricorda però che un brand non è il logo della tua azienda. Un brand è l’insieme delle sensazioni e pensieri che la tua azienda suscita nel tuo (potenziale) cliente. Va da sé, quindi, che i brand non esistono che nella mente delle persone che entrano in contatto con te e la tua impresa, siano essi clienti, fornitori, concorrenti o istituzioni.


 

Costruire un brand significa quindi fare in modo che chi si relaziona con noi (stakeholder) ricordi la nostra azienda associando ad essa gli elementi e i concetti positivi che ci possono aiutare a fare business e differenziare dai nostri concorrenti

Per prima cosa è quindi utile capire chi sono i nostri stakeholder e definire la mission e la vision che guideranno il nostro modo di fare business e l’identità con cui vogliamo presentarci

Senza clienti non può esistere un’azienda e sono quindi loro i primi stakeholder da individuare. Un’analisi di mercato approfondita è quindi la base anche per costruire un brand ed è quindi necessario conoscere il contesto e il business americano anche solo per poter costruire il proprio brand. Sfumature culturali, politiche e sociali possono essere colte e conosciute solo da chi vive e respira il mercato statunitense quotidianamente. Può sembrare banale, ma la differenza tra un brand autentico e uno poco credibile è a volte dettata da piccoli dettagli all’apparenza insignificanti.

Non trascurare poi gli altri stakeholder. Ricorda in particolare che in un mercato come quello Americano l’immagine e la fiducia che sarai in grado di generare nelle istituzioni può giocare un ruolo fondamentale nell’ottenimento di visti, di informazioni commerciali e finanziari. Presentarsi accompagnati da un partner con una reputazione già forte sul mercato è la soluzione più semplice e diretta per farlo.


 

Mission e vision sono poi il secondo passaggio chiave

La vision rappresenta la ragione per cui hai deciso di fare business e di farlo, nel tuo caso, negli Stati Uniti. La mission il modo e le linee guida con cui intendi farlo

Per definire la prima chiediti qual è il tuo ambito e qual è la grande aspirazione della tua impresa e i suoi valori. Per la mission invece ragiona sulle modalità, su obiettivi di medio periodo, su come intendi portare avanti il tuo business giorno per giorno.

Per farti un esempio la Vision di Barilla è "Aiutiamo le persone a vivere meglio, portando ogni giorno nella loro vita il benessere e la gioia del mangiar bene", mentre la Mission è "Barilla propone un’offerta di qualità fatta di prodotti gustosi e sicuri. Barilla crede nel modello alimentare italiano che combina ingredienti di qualità superiore e ricette semplici, offrendo esperienze uniche ai cinque sensi..”


 

Ora che hai ben chiaro chi vuoi essere sul mercato americano, è tempo di lavorare sugli elementi che possano esprimere la tua idea.

Elementi grafici come il logo, la scelta dei canali distributivi, packaging, partner commercili o ambassador. Tutto contribuisce a creare il tuo brand.

Ricordandoci che il brand è un insieme di sensazioni nella mente dei nostri stakeholder, tutti gli strumenti che abbiamo a disposizione contribuiscono a definire il nostro brand. Proprio come siamo portati a definire una persona appena conosciuta valutando diversi aspetti (il suo modo di vestire, il suo tono di voce, gli argomenti delle sue discussioni), così il tuo interlocutore si farà un’idea della tua azienda valutando tutti gli aspetti che gli mostrerai, volontariamente o inconsciamente.


 

La prima cosa è creare una connessione e generare fiducia.

Il primo passo è quindi lavorare sulla notorietà (brand awareness) e fare in modo che le prime sensazioni suscitate siano più che positive.

Per farlo la scelta migliore è sicuramente associare il nuovo marchio, ancora sconosciuto sul mercato degli Stati Uniti, a partner che godano già di un’ottima reputazione con fornitori, clienti e istituzioni (del resto spesso valutiamo una persona anche in base all’idea che abbiamo su chi ce la sta presentando). Affidarsi a un servizio di consulenza specializzato può essere quindi la chiave vincente non solo per procedere in maniera formalmente corretta, ma anche e soprattutto per iniziare a lavorare sulla propria reputazione sul mercato statunitense.

Articoli correlati

Branding
Servizi per l'export

Branding

Servizi di Branding per il mercato americano: ExportUSA adatta, o {ri} adatta il vostro prodotto e lo prepara per il mercato americano