Lista dei documenti a supporto della richiesta di Visto E2


La lista che segue rappresenta solo un suggerimento per i richiedenti il visto e non va considerata come ufficiale, esclusiva, esaustiva e/o obbligatoria



Di seguito è riportato un elenco della documentazione suggerita per stabilire l'idoneità di un investitore italiano ad ottenere il visto E2. Altre informazioni e prove possono essere presentate dal richiedente per soddisfare i criteri richiesti dall'ufficiale consolare. Tali criteri sono descritti in 9 FAM 402.9-5 (A) o 9 FAM 402.9-6 (A) 

Tra le altre cose, poichè il visto E2 è un visto del tipo Non-Immigrant e neppure è un visto Dual Purpose [come ad esempio il visto L1 - Intra Company Transfer] quando lo si richiede scatta la presunzione [relativa] di voler emigrare negli Stati Uniti. La presunzione può essere vinta dimostrando la volontà e la necessità di dover rientrare in Italia dopo i il trasferimento in America con il visto E2. La legge non indica esattamente quali documenti produrre per mostrare l'intento di rientrare in Italia ed è anche questa la ragione per la quale nessuna lista di documenti da allegare alla richiesta di visto E2 potrà mai essere completa ed esaustiva.

9 FAM 402.9-11(B) Suggested E-1/E-2 Visa Application Document Checklist - for Applicants (CT:VISA-569; 04-06-2018)  



Documenti per richiesta visto E2


I. Prova della nazionalità dell'investitore o del richiedente il visto E2

  • Certificato di nascita.
  • Certificato di cittadinanza.
  • Fotocopia del passaporto.
  • Prova dello status giuridico nel paese d'origine.
  • Altri documenti di nazionalità.


II. Documenti di proprietà: (A, B o C)

A. Beni di proprietà personali

  • Azioni / certificati azionari.
  • Registro delle azioni che indica le azioni totali e in circolazione emesse.
  • Verbale della riunione annuale degli azionisti.
  • Altre prove.

B. Società di Persone

  • Azioni / certificati azionari che indicano le azioni totali emesse e le azioni in circolazione.
  • Accordo di partenariato o Joint Venture.
  • Altre prove.

C. Società di Capitali

  • Azioni / certificati azionari che indicano la distribuzione della proprietà, vale a dire le azioni detenute da ciascuna impresa e le azioni detenute dai singoli proprietari. Se quotati sulla borsa principale in Italia, allegare un esempio di quotazione azionarie di recente pubblicazikone.
  • Pubblicazione dell'organigramma relativo alla sede principale e altre filiali / filiali negli Stati Uniti.
  • Altre prove di proprietà.


[III. Attività Commerciali = solo per il Visto E1 Trader]



IV. Investimenti in America

  • A. Per un'impresa esistente:

    (mostrare il prezzo di acquisto)
    - Valutazione fiscale
    - Valutazione del mercato
  • B. Per società di nuova costituzione:

    (mostrare il costo di avviamento stimato)
    - Statistiche dell'Associazione Commerciale
    - Stime della Camera di Commercio
    - Sondaggi di mercato


C. Fonte dei fondi con cui si realizza l'investimento:

  • Dichiarazione personale di patrimonio netto redatta da un commercialista abilitato.
  • Transazioni che mostrano il pagamento di proprietà o le attività venduti (prova di proprietà e cambiali) e i redditi da locazione (contratti di locazione)
  • Certificati di investimento e proventi di accredito del conto bancario.
  • Addebito e consigli di credito per prelievi di account personali e / o aziendali.
  • Rendiconto finanziario certificato.
  • Relazione annuale della casa madre.
  • Valutazione del patrimonio personale netto da parte di revisori dei conti professionali.


 

D. Prova dell'investimento:

  • 1. Impresa esistente:

    - Depositi in garanzia
    - Estratto conto deposito di garanzia negli Stati Uniti
    - Ricevuta dei depositi a garanzia
    - Contratti d'acquisto firmato
    - Ordini di acquisto firmati
    - Documenti ipotecari
    - Documenti di prestito
    - Effetti cambiari
    - Resoconti finanziari
    - Dichiarazioni fiscali
    - Contratti di locazione
    - Estratto conto aziendale per le operazioni di routine
    - Altre prove
  • 2. Nuova impresa:

    - Inventari, fatture di spedizione, attrezzature o proprietà correlate alle attività commerciali.
    - Ricevute per acquisti di inventario.
    - Assegni annullati o ricevute di pagamento ufficiali per le spese.
    - Assegno annullato per l'affitto del primo mese o il pagamento dell'intero anticipo annuale.
    - Contratto di locazione.
    - Ordini di acquisto.
    - Spese per riparazioni.
    - Estratti conto.
    - Ricevute di bonifici.


V. Marginalità:

  • A. Per le attività esistenti:

    - Dichiarazioni dei redditi delle società degli Stati Uniti.
    - Ultimo rendiconto finanziario sottoposto a revisione o dichiarazioni di non revisione.
    - Relazione annuale
    - Registro dei dipendenti.
    - Registro delle buste paga.
    - Assegni annullati per gli stipendi pagati e / o il corrispondente conto della busta paga.
  • B. Per le nuove imprese:

    - Libro paga, copie delle buste paga.
    - Proiezioni finanziarie per i prossimi 5 anni, supportate da un piano aziendale completo.
    - Dichiarazioni dei redditi societari (revisione contabile e incarichi di revisione)


VI. Impresa commerciale reale e operativa:

  • Licenze professionali
  • Licenze commerciali
  • Ricevute fiscali
  • Bollette telefoniche e di altre utenze
  • Registrazioni di transazioni commerciali
  • Estratti conto corrente / commerciale
  • Lettere di credito
  • Fatture dai fornitori
  • Volantini pubblicitari
  • Opuscoli commerciali / materiale promozionale
  • Ritagli di giornale


VII. Esperienza nella Direzione di Società / in Ruoli Direttivi o Manageriale / di Supervisione / e di Competenze Essenziali

  • Lettera dall'azienda che sponsorizza il Visto E-2 che fornisce informazioni specifiche sul richiedente e il motivo per il suo incarico negli Stati Uniti. La lettera deve spiegare il ruolo del dipendente nella società statunitense (titolo di lavoro e mansione), le responsabilità manageriale e/o di supervisione del candidato o, se non un supervisore, il suo ruolo specialistico, il livello di istruzione e conoscenza richiesta dalla posizione del dipendente, dalla sua esperienza lavorativa, dalla progressione della promozione o dalla formazione di alto livello o dalle qualifiche speciali e dai motivi per cui un cittadino statunitense o un residente permanente legale non può occupare la posizione (se la posizione non è manageriale o di vigilanza) 
  • Lettera del funzionario responsabile presso la sede o l'ufficio della società negli Stati Uniti che identifichi la necessità del trasferimento di un dipendente in America dall'Italia.
  • Organigramma che mostra il modello attuale dell'organizzazione del personale nella società americana.
  • Prove di esperienza manageriale o direttiva, di supervisione o specialistiche, istruzione, esperienza, abilità o formazione, come certificati o diplomi.