Il mercato immobiliare a New York cala e le griffe di moda chiudono contratti con affitti convenienti

15/03/2021

Pinko approda a Soho: il nuovo flagship store negli Stati Uniti aprirà ad aprile

Il brand di lusso Pinko annuncia l’opening di un negozio di 500 metri quadri a SoHo


La casa di moda del lusso italiano Pinko alla conquista del mercato USA, apre uno store a Soho New York





Cala il mercato immobiliare del lusso a New York e le griffe investono in nuove location

Pinko accelera la sua espansione nel mercato americano (il secondo più grande bacino di consumo al mondo per il lusso dopo la Cina) e rileva i 3 piani al 143 di Spring Street, inaugurando il suo primo flagship store in America

Il marchio globale ha firmato un contratto di locazione per circa 500 metri quadri nell'edificio a due piani di Buchbinder & Warren Realty Group, all'angolo nord-est di Wooster Street. Il negozio avrà una vetrina di 30 metri, il cui ingresso, con parete a mattoni su Spring Street, conduce a una moderna dépandance molto scenica, con un'ampia vetrata a facciata che si estende su due piani. Verrà allestito anche il seminterrato. L'accordo conferisce alla casa di moda una presenza significativa, in quanto rileva l'ex negozio del famoso brand di interior design One Kings Lane con una sublocazione da Bed Bath & Beyond.

"Questo rappresenta il punto di svolta nell'ambito del mercato immobiliare di lusso non residenziale a New York City, che è stato gravemente colpito dalla pandemia", ha detto Alex Carini, fondatore e CEO di Carini Group, che ha rappresentato Pinko nella negoziazione della location a Soho, insieme alla collega Cristina Roccisano. Carini ha anche indicato il nuovo contratto di locazione di Valentino, presso la vicina 135 Spring Street, come un altro segnale di ripresa per i retailer del quartiere del lusso. Mentre a rappresentare Bed Bath & Beyond nella trattativa, sono stati gli agenti Michael Azarian e James Ariola della Cushman & Wakefield. In una dichiarazione, Pietro Negra, presidente e CEO di Pinko, ha affermato che il marchio aumenterà la sua presenza negli Stati Uniti, passando dalle attuali sei sedi a 10, nei prossimi tre anni. "Il nostro nuovo negozio di Manhattan lancia il nostro piano di espansione americana", ha affermato Negra.

Pinko conquista anche le celebrity americane. A partire dalle sorelle Paris e Nicky Hilton, che hanno indossato il look-pinko nel 2006. E ancora Taylor Swift, che ha sfoggiato una delle sue felpe nella copertina del suo album "Reputation" uscito nel 2017. Così come lo scorso autunno, un’ altra pop-star americana, Ariana Grande, compare nel suo video "Positions" con un cappotto pied de poule vintage firmato Pinko. Anche Bella Thorne, attrice e cantante statunitense, non ha resistito all’allure del brand di lusso italiano, postando su Instagram una mise con la borsa a tracolla del marchio.

Pinko ha coinvolto la designer di interni Deborah Mariotti - architetta italiana nel luxury a New York e fondatrice del Mariotti Studio, a Brooklyn - per gestire il team di progettazione di Pinko nell’allestimento del nuovo spazio a SoHo, incluso lo sviluppo del design dell'illuminazione. La Mariotti ha dichiarato, "per aggiungere giocosità e movimento, il negozio presenterà un ballerino gonfiabile a colori che completa gli elementi di design d’interni". L'apertura del negozio è prevista ad aprile. La nuova sede a New York si colloca all'interno di un affascinante edificio storico rivestito in mattoni, costruito nel 1818 e divenuto casa di Josiah Purdy e successivamente un raffinato bar.

Benché al momento sia stato negoziato un contratto di locazione per un solo anno - a quello che Carini considera un prezzo decisamente scontato rispetto a quello dei precedenti inquilini, pari al maggiore tra un canone mensile di $30,000 o il 15% delle vendite - il brand sta investendo ingenti somme nella progettazione della location in vista di un accordo per rimanere a lungo termine. Per metterla in prospettiva, a $ 30.000 al mese, i pagamenti coprirebbero a malapena i $ 345.802 l'anno delle tasse sulla proprietà dell'edificio.

Questo non è la prima boutique di Pinko in città, che per 5 anni ha avuto un punto vendita al 414 West Broadway. Ma quando Carini è divenuto il broker del brand, ha ritenuto fosse necessario un cambio di passo mediante una presenza più ampia a SoHo. La scorsa primavera, dopo la chiusura dei negozi causata dalla pandemia, Carini ha negoziato il dimezzamento dell’affitto previsto dal contratto di locazione della sede a West Broadway (detratto dalla sua lettera di credito), e ha rinegoziato per la chiusura dello store a fine anno, dopo aver trovato il suo nuovo spot in Spring Street. Carini è ora divenuto il broker di questa stessa location a West Broadway (di circa 140 metri quadri) il cui affitto è ora quotato a $ 25.000 al mese.


Pinko aveva anche un altro contratto di locazione al 1058 di Madison Avenue, ma dopo aver constatato che il suo look colorato e divertente non era in linea con l'estetica più classica dell'Upper East Side, ha predisposto la rinegoziazione da parte di Carini per raggiungere l’accordo di chiusura, che avverrà a maggio di quest'anno.


« indietro ]