+39 0541-709073

Tendenze di consumo, abitudini e modelli di acquisto emergenti negli Stati Uniti: In un mercato dove l’online precede l’esperienza reale, bisogna saper interpretare le tendenze e gli stili di vita emergenti per posizionarsi nella nuova quotidianità

Sotto i nostri occhi sta avvenendo un cambiamento di paradigma nei consumi e nei modelli di acquisto in America: non ci interessa più il nome del brand (salvo alcuni rari casi), ma la qualità intrinseca del prodotto. Dobbiamo dare una nuova definizione di beni di lusso “luxury”: se prima implicava il logo del megabrand e poteva essere accessibile a pochi, oggi l’articolo di lusso in questi termini non è più così agognato


L’era digitale e i social media consentono oggi a brand emergenti di farsi conoscere velocemente in tutto il mondo, permettendo così una campagna mediatica che assicura il branding, l’immagine e la qualità del prodotto.


 

Nuovi modelli di acquisto del lusso in America


"Post-luxury": quando gli americani insegnano agli italiani a vendere le scarpe made in Italy

Negli Stati Uniti, significa anche sapere da dove proviene un prodotto e il luogo di fabbricazione: se soltanto pochi anni fa questo fatto era poco rilevante, ora è un fattore di successo che crea interesse verso un’azienda. Significa trasparenza sulla produzione, che viene richiesta dalla maggior parte dei consumatori americani (pensiamo alle open-factory); qualità più che quantità, i prodotti devono resistere ai segni del tempo; il prodotto deve raccontare una storia.


Dai clicks ai bricks, ovvero dallo negozio online, dall'e-commerce, al negozio fisico: negli Stati Uniti si rovescia il modello di vendita tradizionale

In un altro articolo avevamo parlato del caso di Bonobos [abbigliamento uomo] che era partito come commerce puro e poi ha aperto due punti vendita a New York. Ora è il caso di M-Gemi, un negozio online il cui punto di forza è il B2C (Business to Consumer), che in poco più di un anno è nato, cresciuto esponenzialmente sul mercato online e ha aperto di recente un punto vendita fisico a New York.

M-Gemi è l'esempio di come vendere calzature di alta qualità in America, fatte a mano in Italia, ma senza il prezzo di un prodotto luxury e senza i costi di intermediazione, vendendo direttamente al consumatore finale americano. Questa azienda ha rivoluzionato il mercato delle calzature di lusso, vendendo scarpe che variano da poche centinaia di dollari a $2,000 e lo fa seguendo la filiera del fast-fashion e reinventando così il concetto di fare marketing online.

Continuando ad espandere la sua collezione nello store online, M-Gemi ha anche scelto di aprire un pop-up store di calzature di moda a New York, per rafforzare la sua presenza in tutte le declinazioni del mercato.


Sulla scorta dell-ecommerce di calzature lanciato in America da Zappos [ed imitato in Europa da Zelando] l'acquisto online di calzature è diventato parte della quotidianità, e acquistare calzature online in America non sconvolge più nessunoo, basta ordinare più taglie, tanto per essere sicuri di non aver sprecato tempo e denaro

Il negozio di scarpe M-Gemi a New YorkM-Gemi ha saputo scuotere questo modo di fare acquisti, presentando il suo try-on-shop nel quale è possibile provarsi e scegliere le scarpe, ma non acquistarle direttamente in negozio. Infatti, in negozio si prova ed è possibile scegliere tra una miriade di stili diversi e personalizzarne alcuni: l’acquisto verrà poi direttamente spedito a casa del cliente.

M-Gemi ha saputo sfruttare un modello di business online “post-luxury”, doverosamente indirizzato ai nuovi consumatori e ai sempre diversi comportamenti di acquisto nei confronti dei beni di lusso. L’apertura del negozio temporaneo di scarpe di New York ha permesso a M-Gemi di incrementare la sua clientela del 500% rispetto allo scorso anno, riuscendo anche a fidelizzare il consumatore. In altre parole: per M-Gemi la vendita di calzature di moda negli Stati Uniti è QUINTUPLICATA nel giro di un anno grazie alla combinazione di e-commerce e dell'apertura di un negozio temporaneo a New York !

Quello del post-luxury è una nuova modalità di vendita per tutti i beni di lusso:dalle calzature all'abbigliamento, agli accessori per abbigliamento, agli orologi e a i gioielli, perché implica il see-now, buy-now che invece non è assicurato dai luxury brand, che fanno intercorrere almeno sei mesi dalla presentazione del prodotto in passerella, permettendo anche il proliferare del fenomeno della produzione di falsi o knockoffs.


Le nuove frontiere del post-luxury negli Stati Uniti sfruttano la possibilità di importare e vendere senza pagare dazio in America

Con la nuova legge sulla vendita ai consumatori finali, approvata a marzo 2016, è possibile vendere negli Stati Uniti prodotti che abbiano un valore massimo di $800 senza dover pagare dazio (ricordiamo che prodotti di moda, abbigliamento e scarpe subiscono dazi che vanno dal 20% al 37%) e con procedura di importazione semplificata. Questo può essere un punto a favore per chi vuole far conoscere il proprio prodotto in America focalizzandosi sula vendita al consumatore finale via ecommerce.


Il superamento dell'ecommerce tradizionale

Articoli correlati

Vendere moda negli Stati Uniti
CONSULENZA EXPORT per il mercato Americano

Vendere abbigliamento e moda negli Stati Uniti d'America

Il settore della moda / abbigliamento donna negli Stati Uniti è molto competitivoServe essere selettivi nel proporre la collezione ed avere agenti int...