caffe capsule stati uniti.jpg

09/02/2019

Gli Stati Uniti sono il Paese con il più alto consumo di caffè del mondo

Oggi, la vendita di caffè negli Stati Uniti d'America è spinta della diffusione delle macchine da caffè in cialde monodose per la casa




macchina caffè in cialde in AmericaL'errore dei grandi produttori di caffè italiani?

Non adeguarsi alla situazione di mercato e pretendere di imporre un loro formato di caffè in cialde perdendo l'opportunità di sfruttare l'enorme "base installata" della Nespresso 

All’introduzione della prima macchina per il caffè espresso brevettata da Luigi Bezzera nel 1901 e al fenomenale successo commerciale di Starbucks nata nel 1980,fa seguito la più grande rivoluzione nel mercato del caffè: l’ingresso negli Stati Uniti delle macchine per il caffè in cialde ideate da Keurig.



Nespresso è stata l'artefice del cambiamento ed in coda sono arrivati i produttori di caffè con cialde "Nespresso compatibili" che vendono a prezzi concorrenziali

Secondo una stima della National Coffee Association, circa il 27% dei consumatori in America possiede una macchina per il caffè monodose ed un ulteriore 12% degli intervistati ha affermato di volerne acquistare una. A tutto'oggi, la Keurig Green Mountain ha venduto oltre 20 milioni delle sue macchine per il caffè  negli Stati Uniti.eurig Green Mountain Inc.

 

Cambiano le abitudini di consumo del caffè in America

consumo caffe' in cialde monodose in AmericaNegli Stati Uniti il caffè è la bevanda più consumata preceduta solo dall’acqua 

Il successo delle macchine da caffè monodose in cialde ha segnato un profondo cambiamento del modo in cui si consuma il caffè in America.
Nell’ultimo anno, fatta eccezione per il caffè in cialde monodose, le vendite di caffè in America sono infatti diminuite dell’1,4% in tutte le categorie: dal caffè macinato, al caffè istantaneo per arrivare a quello in chicchi.

La percentuale di americani che bevono caffè è passata dal 63% al 59% negli utlimi due anni, secondo un sondaggio annuale condotto dalla National Coffee Association. Il tutto a fronte di un declino del tradizionale caffè all’americana che è passato dall’essere dominante nei decenni scorsi ad essere utilizzato ormai da poco più della metà dei consumatori abituali. Tutti dati che riflettono un cambiamento nelle abitudini quotidiane degli americani: il consumo di caffè di alta qualità negli Stati Uniti d’America è cresciuto del 9% negli ultimi 4 anni ed il consumo di caffè in capsule è alla base di tale cambiamento.

Bicchieroni di caffe' Starbucks in un negozio in America

L’industria del caffè non assisteva ad una tale rivoluzione dai tempi in cui Starbucks iniziava la sua espansione contribuendo a diffondere la vendita di caffè di alta gamma e tè negli Stati Uniti e a livello globale. La catena americana che all’inizio contava 33 punti vendita nel territorio statunitense, oggi ne conta più di 20,000 diffusi a livello globale.

Starbucks ha contribuito a cambiare il modo in cui gli americani consumano il caffè andando ad offrire ai propri clienti un caffè di qualità superiore rispetto alla media americana ad un prezzo poco competitivo. Il distributore ha polarizzato la vendita del caffè in America introducendo una vera e propria rivoluzione culturale culminata con l’ingresso dei k-cups a partire dal 2011.


"Nota a margine: Starbuck's NON deve il suo successo al caffè !"

Per i prossimi anni ci si aspetta unaaumento delle vendite di caffè in cialde monodose negli Stati Uniti anche se a un ritmo più lento: uno scenario che rappresenta un’ottima opportunità per entrare nel mercato del caffè statunitense per le aziende italiane.

« indietro ]