+39 0541-709073

Il boom di vendita dei latti vegetali in America richiama all'attenzione le procedure di autorizzazione FDA per l'importazione in America dei prodotti sterilizzati con il sistema UHT

Importare negli Stati Uniti prodotti sterilizzati con il sistema UHT

La FDA ha dedicato un protocollo a parte per la certificazione dei prodotti con sterilizzazione UHT. Si tratta di un protocollo separato dalla normale procedura SID in uso per prodotti acidificati o conservati sottovuoto e sottoposti a trattamento termico di sterilizzazione in autoclave


Il sistema UHT è una procedura di sterilizzazione attuata sul prodotto sfuso che viene portato ad alta temperatura in brevissimo tempo e per un brevissimo tempo. A seguito della sterilizzazione in UHT si procede al confezionamento asettico del prodotto.

Il vantaggio principale della sterilizzazione UHT è che la penetrazione del calore è rapidissima perchè non vi sono ostacoli naturali (vetro, latta come nei confezionati), lo svantaggio è che il confezionamento deve essere perfettamente asettico perchè una volta confezionato il prodotto non viene più trattato termicamente. Quindi esiste una criticità nell'intervallo di tempo che passa tra il trtattamento terfmico ed il successivo confezionamento del prodotto.

I prodotti UHT rientrano in una casistica particolare di prodotti a bassa acidità che FDA ha, nell'ultimo aggiornamento, scorporato dalla procedura SID normalmente seguita per i prodotti sterilizzati (confezionati) e acidificati dedicando ai prodotti sterilizzati in UHT un modulo apposito della procedura di richiesta e approvazione SID.

Panna, besciamella e latte rientrano tutti in questa tipologia di prodotti ad esempiio in quanto a bassa acidità e trattati come descritto e richiedono pertanto sia FCE che SID.

In termini di USDA invece l'UHT non richiede import permit in quanto shelf stable.

Per riassumere:

Articoli correlati

Nuove tendenze alimentari in America
05 November 2016

Aumento del consumo di latte vegetale negli Stati Uniti

I millennials trascinano la vendita di latte di soia, di mandorla, riso, cocco e nocciola in America