ecommerce da smartphone

20/07/2020

Statistiche ecommerce Stati Uniti: confronto 2011 - 2019

Riportiamo, commentandole, alcune statistiche sulle vendite online in America che avevamo pubblicato sul sito di ExportUSA nel 2011 [10 Luglio 2012]

 
 

I trend dell'ecommerce in America
 



I risultati a consuntivo delle vendite online sono andati ben oltre al di la delle aspettative

Soprattutto m-commerce e social commerce si sono sviluppati molto più di quello che nel "lontano" 2011 fosse sensato immaginare

Secondo le statistiche del Department of Commerce degli Stati Uniti, il 29% delle vendite online mondiali si è realizzato negli Stati Uniti.

Nel 2011, sempre secondo il Dipartimento per il Commercio statunitense, le vendite online [ecommerce] negli Stati Uniti sono state pari a 197 miliardi di dollari.

Nel 2019 le vendite al dettaglio in America hanno poi raggiunto i 602 miliardi di dollari. In pratica sono più che triplicate nel giro di 8 anni.

Tre miliardi di dollari è il valore degli acquisti online fatti attraverso siti di ecommerce mobile nel 2010. Si prevede che l'ecommerce mobile sarà responsabile per circa 31 miliardi di dollari di vendite entro il 2016.

Nel 2019 l'm-commerce, come è comunemente conosciuta la vendita online fatta da smartphone o tablet, è stato invece pari al 28% di tutte le vendite al dettaglio via ecommerce ovvero quasi 170 miliardi di dollari. L'm-commerce in America ha superato tutte le più rosee aspettative. Da segnalare poi il ruolo che ha lo smartphone nell'influenzare gli acquisti sul punto vendita.

Cresce anche il favore nei confronti del cosiddetto social ecommerce, ovvero le vendite online effettuate direttamente [o propiziate] da social network quali ad esempio Facebook, Twitter, Instagram o Pinterest.

Morale: Per vendere negli Stati Uniti d'America è essenziale lo sviluppo di un sito di ecommerce che si adatti perfettamente alla navigazione da smartphone


ARTICOLI CORRELATI

In America le vendite si spostano dai negozi fisici all'online

Record dell'ecommerce negli USA nei primi 4 mesi del 2020


« indietro ]