+39 0541-709073

Di seguito riportiamo una news pubblicata sul sito di ExportUSA il 21 Dicembre 2011 dove si citavano gli incoraggianti dati di vendita del vino italiano in America

Il tempo ha dato ragione alle nostre previsioni e l'export di vino italiano nel mondo e negli USA ha continuato a crescere: nel periodo 2008-2018 le esportazioni di vino hanno raggiunto un valore di 6,2 miliardi di euro con una crescita complessiva del 56,9%.

Il programma commerciale Wine Export di ExportUSA per vendere vino negli USA in collaborazione con la Italy America Chamebr of Commerce di New York.




Esportare prosecco negli USA


 

Il mercato americano si conferma la prima destinazione per l'export di vino italiano

Sono maturi i tempi per espandere la vendita verso nuove aree del mercato americano

I dati di fine anno 2011 emanati da Coldiretti incoraggiano ulteriormente gli esportatori italiani di vino in generale e del prosecco in particolare ed emerge che il prosecco e lo spumante hanno letteralmente conquistato gli Stati Uniti.

L'esportazione in America ha raggiunto il 31% del totale dell' export italiano di prosecco nei primi 8 mesi del 2011 e tenderà ad aumentare ancora verso la fine dell'anno. Nel 2011 infatti i volumi di bottiglie di prosecco esportate negli Stati Uniti hanno superato quelle di champagne.

È utile pertanto sottolineare l'importanza riconquistata dal Made in Italy dopo l'accordo tra Europa e Stati Uniti riguardanti il commercio e l'esportazione del vino e grazie al quale d esso è diminuita in maniera consistente la contraffazione di vino italiano.

Le ottime performance conseguite dai produttori italiani di vino stanno quindi dando i propri frutti specialmente negli Stati Uniti dove il prosecco rappresenta la metà dello spumante italiano prodotto ed esportato.

Articoli correlati

Il vino in lattina conquista i Millennials
12 June 2019

Il futuro del vino in America ha la forma di lattina: nuovo trend dagli States

La portabilità, la praticità e la facilità di consumo diventano essenziali nelle scelte d’acquisto anche per il vino in America, trend che va di pari passo con il nuovo approccio dei Millennials al vino