+39 0541-709073

Kylie Jenner è la donna miliardaria più giovane al mondo 

Un patrimonio stimato di $ 900 milioni, grazie alla passione per i cosmetici e a un’abile strategia di social media marketing. La regina della cosmetica Kylie Jenner, proprietaria dell'omonimo brand Kylie Cosmetics, conquista la copertina di Forbes come donna miliardaria più giovane al mondo e simbolo delle nuove self made woman

A soli 20 anni (21 ad agosto), già madre giovanissima di Stormi (la figlia nata lo scorso febbraio), Kylie Jenner gestisce una delle società di make-up più famose di sempre: la Kylie Cosmetics. Lanciata soli due anni fa con il "kit labbra" da 29 dollari: una combinazione di rossetto e matita per labbra che da allora ha già venduto più di $ 630 milioni (dei quali 330 solo nel 2017), ha successivamente ampliato la linea di cosmetici aggiungendo ombretto e correttore e raggiungendo gli $ 800 milioni. 

Ma l’impero di Kylie non si ferma qui: basta aggiungere i milioni guadagnati dai programmi TV e dai prodotti sponsorizzati (come scarpe Puma e abbigliamento PacSun), e ancora, i $ 60 milioni in dividendi dal suo brand e si arriva a questa cifra stellare di 900 milioni di dollari, che le ha fatto guadagnare la 27esima posizione, su 60, della classifica “America’s Richest Self-Made Woman” e l’ambitissima copertina su Forbes.

Ma quella di Kylie Jenner è anche una rivincita delle donne nel mondo degli affari: ancora un anno di crescita per conquistare anche il titolo di più giovane miliardaria “self made” di tutti i tempi, detronando Mark Zuckerberg, che grazie a Facebook si era conquistato lo stesso titolo a 23 anni. In fondo le loro fortune hanno lo stesso comun denominatore, il web. "I social media sono un mezzo straordinario", afferma miss Jenner. "per avere un accesso immediato ai miei fan e/ o clienti. Grazie all’uso pervasivo dei social network, infatti, la star del web oggi vanta 108 milioni di follower su Instagram, una media di tre milioni di like e 50 mila commenti a ogni post. 

Il suo impero da quasi un miliardo di dollari è basato unicamente su sette impiegati a tempo pieno e cinque part-time, oltre chiaramente a una gran dose di gusto e Instagram. Produzione e imballaggio? Esternalizzato a Seed Beauty, un produttore di private label in California. Vendite e realizzazione? Esternalizzato all'outlet online Shopify.

Da promotrice intuitiva e capace, quale buona erede del clan mediatico Kardashian-Jenner, ha trascorso mesi a pubblicizzare i suoi kit su Instagram, per arrivare ad annunciarne il lancio tramite sui social media appena un giorno prima della loro vendita (il 30 novembre 2015). I kit sono andati esauriti in meno di un minuto. "Prima ancora di aggiornare la pagina, era tutto esaurito", afferma Kylie. E i rivenditori non hanno perso l’occasione di vendere il prodotto su eBay: partendo da un costo iniziale di 29$ sono arrivati a cifre a tre zeri ($ 1.000). 

La guru del beauty oggi è unica proprietaria di un impero da $ 532 miliardi, costruito grazie al supporto di influencer e Youtuber, a guidare la sua giovane fanbase. Come nel caso della fast fashion, i consumatori della Generation Z si stanno allontanando dai brand di cosmetica tradizionali (come ad esempio L'Oréal e Estée Lauder), in favore di prodotti di rapida commercializzazione che conoscono proprio attraverso i social media. Al centro non è più, quindi, il prodotto della grande marca a “garantire” risultati, ma è il fruitore del trattamento, che lo testa direttamente su di sé, recensendolo e dispensando consigli alla community.

La Jenner non è in realtà l’unica imprenditrice a far parlare di sé, esiste un vero e proprio movimento di donne di grande successo in America, che stanno impattando il mondo del business in diversi settori grazie alla tecnologia (social media in primis), che utilizzano si apre lanciare che per far crescere il loro business. 

Un altro esempio, presente nella lista delle donne più influenti di Forbes, grazie all’associazione make up e Instagram, è Huda Kattan, che all’età di 34 anni ha già all’attivo un patrimonio netto di circa $ 550 milioni. In questo caso l’esperta di beauty si è lanciata nel mondo di Instagram in qualità di truccatrice professionista, e dal 2013 ha lanciato la sua linea Huda Beauty, dopo solo 3 anni di tutorial sui cosmetici e 26 milioni di follower raggiunti. 

Questa è una delle ragioni per cui si registra una crescita impellente di nuove Mogul esperte di beauty e lifestyle su Instagram, tutte in attesa di fare il grande salto e aumentare il proprio fatturato in base all’ampiezza della propria fanbase. Non è certo che questo accada, l'unica cosa certa però, è che le piattaforme digitali giocano un ruolo significativo nell’influenzare il comportamento e le preferenze del consumatore, soprattutto nelle nuove generazioni. E anche i grandi brand di cosmetica hanno dovuto adeguarsi ai tempi, rivolgendosi a creatori di contenuti del web per pubblicizzare i propri prodotti e avvicinarsi alla generazione Millennial e alla generazione Z.

Articoli correlati

ExportUSA New York, Corp.
23 February 2018

Come cambia il mercato americano

In America il ruolo dello Smartphone nell'influenzare le decisioni di acquisto sul punto vendita si sposa con l'importanza di avere un sito mobile friendly ed una comunicazione incentrata su Millennials e Gen Z

vedi
Come esportare e dove vendere cosmetici prodotti di bellezza in America
15 July 2022

Impatto dei Social media sul ruolo della distribuzione negli USA

Andamento ed evoluzione della distribuzione del settore beauty in America: dai grandi magazzini ai negozi specializzati. E ora si ritorna alla GDO..

vedi
Le fasce demografiche a cui vendere cosmetici sul mercato americano
06 July 2022

Marketing dei prodotti cosmetici negli USA

Anche se il futuro del settore Beauty nel mercato americano è nelle mani delle nuove generazioni, trascurare i consumatori americani di mezza età può essere un errore fatale: ecco come conquistare la generazione X in America

vedi
Macro tendenza microbioma nel settore beauty America
06 July 2022

I trend della cosmetica in USA

Il benessere della pelle passa per il microbioma: l’ultima frontiera dello skincare in America

vedi