Finanziamenti agevolati SIMEST per l'apertura di stabilimenti di produzione in America


L. 100/90 – Simest – Per finanziare investimenti produttivi in paesi extra EU



SIMEST-STRUTTURE-PRODUTTIVE




L'appoggio finanziario di SIMEST rende più agevole produrre negli USA

La legge 100/90 era nata come forma di sostegno per la creazione di imprese estere con partecipazione mista al capitale: imprese italiane e imprese del paese estero in ambito extra comunitario

In passato, nell’ambito del processo d’internazionalizzazione costituire una joint venture di un’impresa rappresentava un rischio imprenditoriale meno elevato rispetto alla costituzione di una ‘sole venture’ o IDE (Investimento diretto Estero): un’impresa che non possedeva esperienza del mercato americano, ad esempio, poteva unire le sue forze con un'azienda Americana che invece poteva vantare conoscenze specifiche del mercato.

Le prime PMI che si affacciavano stabilmente sui mercati esteri avevano scarsa conoscenza dei mercati di riferimento e quindi necessitavano di interloquire con un partner introdotto nel sistema portando in cambio di tecnologia, know-how, risorse finanziarie.

Man mano che le imprese italiane hanno iniziato ad imparare a muoversi autonomamente sui mercati esteri, hanno avuto sempre meno bisogno di partner locali che molto spesso hanno creato più svantaggi che vantaggi al progetto imprenditoriale. Conseguentemente il Governo italiano, preso atto di questa necessità, ha esteso il sostegno anche agli investimenti diretti negli USA [nel nostro caso] anche quando il capitale era totalmente detenuto da aziende italiane.



Gli interventi di Simest e gli incentivi agli investimenti diretti in America di imprese italiane

Forme di partecipazione e di finanziamento dell'investimento negli Stati Uniti

  • la partecipazione nel capitale di società americane, filiali di società italiane;
  • il finanziamento a medio termine a favore di queste aziende (NewCo);
  • il contributo agli interessi a fronte di un finanziamento concesso all'impresa italiana da banche italiane o estere, come previsto dall'art. 4 della legge 100/90;

Poiché per presentare domanda di finanziamento su questa legge è necessario presentare un business plan, è possibile attivare, nella fase che precede l'investimento, il finanziamento agevolato delle spese per la realizzazione di programmi di studi di fattibilità ai sensi della L. 133/08 art.6 comma 2 lettera B] Sempre sulla base di questa legge, successivamente alla costituzione della società in America e nella fase pre-operativa, il programma di Assistenza Tecnica finanzia tutta l’attività di start up degli impianti e tutta la formazione del personale della NewCo.



Partecipazione di SIMEST al capitale delle società per investire negli USA

Come funziona la partecipazione azionaria di Simest al capitale di società americane di nuova costituzione oppure partecipate da aziende italiane

Il principale intervento di Simest a sostegno dell'investimento per l'apertura di impianti produttivi in America è costituito dalla partecipazione nel capitale della NewCo.

Valutazione del progetto di investimento

Il progetto viene valutato sulla sua capacità di ritorno sull’investimento in termini di cash flow. Se SIMEST ritiene che il progetto abbia i presupposti per poter essere attivato, allora delibera l’assunzione di una quota di partecipazione (massimo il 49% del capitale) che viene concordata con il promotore dell’investimento. La partecipazione da parte di Simest permette all' impresa italiana investitrice di avere al momento dell'investimento, un minore esborso per l'acquisto diretto di partecipazioni in società americane.

La partecipazione di SIMEST nel capitale della società americana non ha però totalmente le caratteristiche di un intervento di private equity, ma piuttosto quello di un "finanziamento ponte nel capitale" a favore della Newco. Anche il contributo in conto interessi è subordinato all’assunzione della partecipazione nella NewCo da parte di Simest.



Uscita dal capitale di SIMEST a scadenza

Valutazione della partecipazione nella società americana e remunerazione di SIMEST

Simest acquista le azioni/quote della NewCo (oppure partecipa all’aumento di capitale) e contemporaneamente chiede all’impresa italiana proponente di vendere a termine le azioni/quote della Newco sulla base del valore contabile della partecipazione.

Il periodo di partecipazione al capitale di Simest è al massimo di 8 anni – tale periodo emerge dal business plan è ed è generalmente pari al pay back period dell'investimento in quanto compito istituzionale di Simest è quello di supportare le NewCo nel solo periodo di start up sul mercato americano.

Se il valore della partecipazione alla data di uscita da parte di Simest è più basso di quello d’entrata l’impresa italiana s’impegna a pagare il valore d’entrata.

Simest è un “socio silente” – si comporta di fatto solo come un socio finanziatore senza partecipazione nel Consiglio d’Amministrazione della società americana. A fronte di questa partecipazione silente Simest si garantisce per la propria quota con una fideiussione pari al valore nominale delle azioni/quote sottoscritte. L’impresa proponente si impegna a remunerare Simest con un “dividendo privilegiato” pari in genere all'Euribor o Libor sulla valuta della partecipazione più un margine dell'1,5-2% per anno.

La Legge istitutiva di Simest stabilisce che l’uscita dal capitale della società americana deve avvenire al valore corrente, convenzionalmente pari al valore del patrimonio netto dell’impresa estera al momento in cui sorge l’obbligo di cessione della partecipazione di SIMEST al capitale. Il valore patrimoniale netto, nel momento di uscita, deve contenere le necessarie rettifiche per eventuali fenomeni inflazionistici e politiche di bilancio particolari e/o difformi dai principi di contabilità internazionale IAS


  

Supporto SIMEST per la partecipazione di aziende italiane al capitale di società americane

Contributo SIMEST alla copertura degli interessi passivi

Lo scopo di tale contributo è quello di abbattere il costo dell'indebitamento necessario all'impresa italiana per effettuare l'investimento in America nel caso in cui si volesse finanziare la propria quota di capitale con un finanziamento anziché con apporto di mezzi propri oppure di cespiti o magazzino. Per la valutazione della partecipazione al capitale della società americana effettuato tramite conferimento, si fa riferimento in particolare ai principi contabili IAS:

Ammontare dell'incentivo
L'agevolazione arriva a coprire il 90% del controvalore in euro della quota di partecipazione italiana al capitale della società americana [che deve essere almeno del 51%]

Durata dell'incentivo
L'incentivo ha una durata massima di 8 anni e consiste in un contributo d'interessi pari al 50% del tasso di riferimento previsto dal Dpr 902/76, vigente alla data di stipula del contratto di finanziamento.


Divieto di delocalizzazione della produzione all'estero

In seguito alla legge 80/05 (c.d. "decreto sulla competitività"), la L.100/90 non può intervenire su quei progetti che sono a tutti gli effetti delle delocalizzazioni. Per poter accedere ai benefici di questa legge (ma anche delle altre leggi agevolative per gli investimenti all’estero) occorre dichiarare che la società italiana proponente intende mantenere in Italia le attività di ricerca, sviluppo, direzione commerciale, nonché che non verrà diminuita la forza lavoro.


ARTICOLI CORRELATI

Gli incentivi statali, stato per stato, per produrre in America

Aprire uno stabilimento produttivo negli Stati Uniti