+39 0541-709073

Il caso Walsh/Pollard (CT:VISA-1; 11-18-2015)

Implicazioni per la decisione sulle richieste dei visti da investitore per gli Stati Uniti

9 FAM 402.9-6(G) The Walsh/Pollard Case

https://www.justice.gov/sites/default/files/eoir/legacy/2012/08/14/3111.pdf



Caso Walsh Pollard

 

Lo scenario di base implicava l'accordo contrattuale per la fornitura di servizi tra una società estera e un'azienda degli Stati Uniti:

Questa decisione ha seguito le linee guida del Department of States in merito alla classificazione dei visti E-2.

Gli elementi di spicco sono:

Commenti circa il Caso Walsh / Pollard

Lavoro temporaneo e visto E2

Lavoro temporaneo [Job Shop]: la più grande area di confusione che circonda il caso Walsh / Pollard inizialmente riguardava il problema del "job shop". Un "job shop" di solito comporta la fornitura di dipendenti, richiesti da un datore di lavoro, per svolgere compiti prestabiliti. Il datore di lavoro spesso prepara delle job description per tali dipendenti.

Le posizioni che devono essere ricoperte sono spesso posizioni che il datore di lavoro non riesce a coprire per una serie di ragioni, come l'indisponibilità di quel tipo di dipendente, il costo dei dipendenti assunti localmente, ecc. Ad esempio, un produttore ha bisogno di 100 operai per portare a termine il suo ciclo di produzione. Se ne ha solo 50 sulla catena di produzione, potrebbe richiedere ad una agenzia interinale di fornire i 50 operai necessari a coprire le posizioni aperte.

La fattispecie della decisione sul caso Walsh / Pollard non è quella di un "job shop", né facilita in alcun modo la creazione di "job shop" in base alla classificazione dei visti E-2. Anzi, si tratta di uno schema in diretto contrasto con il concetto di "job shop" perchè nel caso Walsh / Pollard si ha un'azienda che crea un nuovo modello di prodotto e che richiede servizi di progettazione ingegneristica che l'azienda stessa non ha né la capacità di eseguire e neppure ha alcuna posizione lavorativa aperta da occupare a tale riguardo.

In tali circostanze è prevedibile che l'azienda possa contrattualizzare con un'altra azienda allo scopo di fornire il design necessario per il modello. Il design contrattualizzato è un prodotto strettamente legato al progetto, non si tratta della copertura delle posizioni lavorative aperte. Il fatto che la società che progetta possa preparare il progetto ovunque, anche nella sede della società appaltatrice, non altera la natura della transazione.