+39 0541-709073

A New York c’è un quartiere che si chiama Little Paris

In America hanno soprannominato una strada di Soho la “Piccola Parigi” per mostrare al mondo la comunità francese di New York

Con una petizione e tanto marketing le imprenditrici del quartiere vogliono promuovere le piccole attività locali negli Stati Uniti

Dopo Little Italy, Chinatown, Little Egypt e Little Caribbean è tempo di dedicare anche alla patria del Louvre un pezzo di America. A New York si può vivere un po’ di Francia a Little Paris, una zona che era già piena di boutique, panetterie e ristoranti di sapore francese ma a cui mancava, secondo i proprietari dei locali, un’identità forte.

L’iniziativa è partita dal centro linguistico e culturale Coucou. Le proprietarie del centro hanno presentato una petizione al consiglio comunale di Manhattan per ufficializzare il nome del quartiere che gli americani hanno sempre chiamato “NOLITA” o Nord di Little Italy nonostante fosse un centro di attività commerciali francesi.

E così le fondatrici di quel centro culturale stanno intonacando l’area con segnali stradali dipinti a mano e realizzati su misura in Francia per promuovere la loro iniziativa in America.

Come con un brand, negli USA riconoscere la specificità dei quartieri li ha sempre resi più attraenti agli occhi dei consumatori americani

Gli imprenditori della zona sperano che la ridenominazione del quartiere istituisca un punto di riferimento per le persone in America che vogliono esplorare la cultura francese a New York

Oltre a essere il polo di molte piccole attività commerciali French-owned, l’area ha anche dei legami storici con la cultura francese perché una volta esisteva una piccola Francia poco più a ovest di quella zona.

L’obiettivo della creazione della Little Paris Street è riconoscere le piccole imprese circostanti come esito fecondo dell’instaurazione di cittadini francesi negli Stati Uniti, nonché riconoscere la cultura e la storia di quelle persone a livello geografico.

Questa vicenda insegna alle aziende e agli imprenditori italiani che per essere considerati rilevanti sul mercato degli Stati Uniti serve avere il sostegno dei cittadini che sono anche consumatori americani

In America, un prodotto che ha valore per qualcuno è un prodotto che sarà sostenuto con tutte le forze da chi lo apprezza

Per un’azienda italiana che sta cercando di entrare nel mercato degli Stati Uniti la visibilità è tutto. Ottenerla è più semplice se si realizzano questi primi due step: innanzitutto occorre generare un’audience davvero coinvolta proprio come hanno fatto le proprietarie del centro culturale Coucou e, in seguito, si deve saper comunicare il brand o il prodotto in modo intelligente, o meglio rilevante per il consumatore target.

Articoli correlati

Branding-negli-stati-uniti
25 February 2019

Il Brand: il primo passo per vendere negli Stati Uniti

Come costuire un brand che generi fiducia e opportunità di business sul mercato statunitense. I primi passi.

Le migliori strategie di successo per entrare sul mercato americano
18 November 2019

Puntare ad una nicchia di mercato rende più facile il lavoro di promozione e di vendita

Come individuare una nicchia per il proprio prodotto negli Stati Uniti. In America vince chi conquista un segmento preciso di mercato

Branding
Servizi per l'export

Branding

Servizi di Branding per il mercato americano: ExportUSA adatta, o {ri} adatta il vostro prodotto e lo prepara per il mercato americano