03/03/2020

Il mercato dei prodotti beauty per uomo in America

prodotti_beauty_uomo.png


Entro il 2022 si prevedono vendite nel mercato del beauty per uomo in America di 166 miliardi di dollari

Questa categoria rappresenta una grande opportunità per i marchi disposti ad evolversi insieme ai propri consumatori





Prodotti beauty maschili




In Italia la categoria del beauty maschile 2016 aveva registrato vendite per 48 miliardi di dollari. Nel 2020 il fatturato arriverà a 61 miliardi, a un tasso di crescita del +6,4% annuo. Negli Stati Uniti la crescita delle vendite è ancora più marcata

Se una volta i prodotti beauty da uomo in USA, ma anche in Europa si dividevano, tra prodotti da barba e tutto il resto, oggi abbracciano linee specifiche e mirate che vanno dalle creme agli shampoo

Uno dei motori di questo cambiamento sono i social media, che hanno rilanciato una società così voyeuristica da abbattere le limitazioni (e i pregiudizi) attorno al benessere e alla cura della persona al maschile. Internet del resto "ha consentito ai consumatori di sesso maschile di conoscere meglio le proprie esigenze e preferenze e di cercare prodotti adeguati", riferisce Euromonitor International, specializzata in ricerche di mercato.


È finito insomma il tempo dei prodotti beauty da uomo 3 in 1, shampoo che erano anche balsamo e bagnoschiuma, in funzione di una maggiore personalizzazione, un'opportunità per i marchi di sbloccare il potenziale non sfruttato del mercato. Di conseguenza, gli uomini sono alla ricerca di soluzioni personalizzate in base alle proprie esigenze, piuttosto che accontentarsi di opzioni a misura unica e stanno considerando la sovrapposizione di cura e benessere per sviluppare nuove routine di bellezza.



Le opportunità per le aziende di introdurre sul mercato american prodotti beauty maschili

Esportare prodotti beauty uomo in USA incontra una domanda sempre crescente

I brand devono quindi andare incontro ad una nuova consapevolezza generalizzata, incontrando la domanda sempre più crescente di un target più ampio del previsto. Le startup che stanno riscuotendo maggior successo sono quelle che offrono soluzioni convenienti affrontando nel contempo tematiche legate ai problemi di salute e al benessere, come la caduta dei capelli. 


Sono tanti i marchi che già operano in questa direzione e questo è un vantaggio per il consumatore ma pone una sfida in più per i brand che decidono oggi di fare altrettanto. Per riuscire in futuro, i marchi di bellezza devono qualcosa di più di una semplice idratazione di base. Devono raggiungere una nicchia, con esigenze specifiche. 

E' questo il motivo di successo, ad esempio, di un marchio come DTC Bevel, lanciato nel 2013 con prodotti di rasatura per uomini di colore. Il marchio, guidato dall'imprenditore Tristan Walker, da allora ha ampliato la gamma di prodotti per la cura della persona ed è stato acquisito da Procter & Gamble nel 2018. Incoraggiato dal suo nuovo finanziamento, Bevel prevede di espandere la sua distribuzione in America di dieci volte nel corso del prossimo anno. 



Un occhio alla sostenibilità anche per i prodotti maschili

Il packaging eco-sostenibile non è solo per donne

Sono sempre di più i brand che, oltre ad offrire una gamma di prodotti specifici da uomo, lo fanno con un occhio di riguardo per l'ambiente. Usare packaging riutilizzabile per prodotti in America diventa una scelta di vita, sempre più condivisa anche dal sesso maschile. Ad oggi infatti sono molti di più i prodotti da donna realizzati con modalità eco-sostenibili rispetto a quelli per uomini perchè diverse statistiche hanno rilevato che gli uomini sono meno inclini al riciclo. 

Ma le cose stanno cambiando, complici i nuovi consumatori appartenenti ai Millennials e alla Generation Z: questi hanno dimostrato di essere coinvolti ampiamente con le questioni legate alla crisi climatica, secondo i recenti dati raccolti negli Stati Uniti dal Pew Research Center.


ARTICOLI CORRELATI 

Vendere prodotti dal packaging eco-sostenibile in America

Puntare ad una nicchia di mercato rende più facile il lavoro di promozione e di vendita 

Glossier: da beauty blog a brand miliardario in America

« indietro ]