+39 0541-709073

La Modest Fashion: questa nicchia del mercato della moda in America ha avuto vendite per 277 miliardi di dollari nel 2020 e si stima che le vendite cresceranno fino a 311 miliardi entro il 2024

Si tratta di un settore del mercato della moda in America che le aziende italiane di moda che esportano capi di abbigliamento negli Stati Uniti non possono più ignorare

Secondo la religione musulmana, anche la moda deve rispettare alcune caratteristiche per essere halal, cioè lecita. Tuttavia, le rappresentazioni mediatiche delle donne musulmane in noiosi abiti scuri e copricapi generici rendono facile per le persone stereotipare la comunità; le cose si complicano ulteriormente se si pensa che negli Stati Uniti i cittadini musulmani rappresentano meno del 2% della popolazione americana.

In realtà, questa nicchia del settore moda propone capi bellissimi e innovativi e la sua crescita incalzante è dovuta al fatto che sempre più donne di fede islamica stanno entrando nella forza lavoro e spendono soldi per l’abbigliamento; oltre a ciò, gli abiti eleganti della Modest Fashion stanno attraendo anche i clienti non musulmani.

Insomma, c’è una disparità tra l’impressione che le persone hanno della moda musulmana e ciò che è realmente, eppure, quando si viaggia all’estero, ci sono comunità vibranti e appassionate di donne all’ultimo grido e che ti costringono a voltarti per guardarle.

L’ascesa della moda musulmana sta anche creando opportunità per una nuova generazione di designer che trovano ispirazione dalla ricca storia delle arti tessili delle culture islamiche, remixando tutte le componenti, sovrapponendo modelli e aggiungendo gioielli, dando vita a creazioni del tutto attuali.

La diversità degli stili all’interno della Modest Fashion americana viene presentata al Contemporary Muslim Fashions di New York

Gli organizzatori della mostra hanno affrontato la mancanza di rappresentazione nella narrativa della moda tradizionale in America e hanno attirato l’attenzione internazionale sulla vitalità dello stile modesto musulmano/h3>

La mostra, che si svolge al Cooper Hewitt di New York, presenta agli americani l’ampia varietà di estetica all’interno dell’universo dello stile musulmano, con 80 abiti e 40 ritratti di designer affermati ed emergenti di haute couture, streetwear e abbigliamento sportivo.

I capi mostrati costringono le persone a riconoscere che le donne musulmane sono tutt’altro che monolitiche. Per esempio, Itang Yunasz, stilista di Jakarta, ha realizzato un abito che assomiglia a un costume tradizionale indonesiano dotato di hijab, maniche lunghe, gonna fino alla caviglia e scialle; il designer usa anche un classico design ikat sul tessuto, omaggiando la propria cultura, ma utilizza tutti questi elementi così diversi creando qualcosa di totalmente inedito. Raşit Bağzıbağlı, che è nato nel Regno Unito ma lavora in Turchia, ha creato un completo da sera nero che a un primo sguardo distratto assomiglia agli abiti cupi indossati dalle donne musulmane conservatrici. Mentre la modella si muove, si scopre che l'abito è ricoperto di paillettes nere che catturano la luce, insieme allo chiffon piumato nella gonna e nelle braccia. Accoppiato con un favoloso turbante, l'effetto complessivo è glamour. Alcuni look non si leggono affatto come distintamente musulmani. Faiza Bouguessa, nata in Francia ma che ha lanciato la sua attività negli Emirati Arabi Uniti, presenta modelli senza copricapo, che rispecchiano le preferenze di circa la metà di tutte le donne musulmane.

Modest fashion musulmana USA

In mostra, c’è un’intera selezione dedicata allo sportswear e ai costumi da bagno, che mettono in luce la perizia dei designer nella selezione di tessuti tecnici necessari a creare pezzi belli, traspiranti, che coprano il corpo delle donne e che non ne limitino i movimenti: questi capi vengono venduti a una grande fetta di clienti americani non musulmani anche per motivi di salute, per evitare il cancro della pelle o semplicemente perché non amano indossare i costumi da bagno tradizionali.

Negli Stati Uniti la Modest Fashion per donne musulmane esiste da qualche anno anche se è stata vittima di una certa marginalizzazione mediatica

Nell’ormai lontano 2017 è stata Nike a rendere diversità e inclusione parte dei propri valori: per rispondere ai bisogni delle atlete di fede islamica la società ha infatti lanciato il primo hijab sportivo, realizzato con materiali altamente elastici e traspiranti, e, nel 2019, ha presentato i suoi costumi integrali con hijab, che rispettano le caratteristiche halal senza ridurre le performance.

Anche Dolce & Gabbana, nel 2016, ha lanciato una collezione halal per le donne musulmane, utilizzando tessuti impalpabili dai toni scuri impreziositi da pizzi, applicazioni di fiori e inserti arabescati.

Oltre a questi due giganti del retail vale la pena menzionare che anche alcuni brand del fast fashion come Zara, H&M e Mango hanno proposto delle capsule collections in occasione del Ramadan.

Per chi vuole entrare nel mercato USA è arrivato il momento di creare linee di abbigliamento per una nicchia di mercato considerevolmente profittevole

Le aziende di moda italiane che vogliono esportare le proprie collezioni negli Stati Uniti possono fare due cose: possono proporre alle donne musulmane i soliti modelli convenzionali, frutto di uno sguardo occidentale stereotipante, oppure possono scegliere di innovare, adattando le culture e le tradizioni islamiche alle tendenze del momento per creare nuovi stili e conquistare il mercato americano della Modest Fashion. Le donne musulmane americane si sono sentite ignorate dalle aziende della moda per troppo tempo e, se i brand italiani negli USA accetteranno la sfida, ci sarà una grande fetta di mercato di consumatori pronti a investire i propri soldi su quelli giusti.

Articoli correlati

Vendere moda negli Stati Uniti
15 March 2021

Vendere abbigliamento e moda negli Stati Uniti d'America

Il settore della moda / abbigliamento donna negli Stati Uniti è molto competitivoServe essere selettivi nel proporre la collezione ed avere agenti int...

Esportare abbigliamento negli Stati Uniti d'America
15 March 2021

Norme Etichettatura per Importare Abbigliamento negli Stati Uniti

La Federal Trade Commission degli Stati Uniti emana e applica le norme relative all’etichettatura dei capi da porre in vendita negli Stati Uniti d’Ame...

Il settore moda Stati Uniti 2021
28 June 2021

Andamento del settore moda e abbigliamento negli Stati Uniti nel 2021

Ripartono le vendite di moda e abbigliamento in America. È un buon momento per le società italiane per esportare abbigliamento sul mercato Americano

mercato alimentare Halal negli USA
08 July 2021

Esportare cibo Halal negli Stati Uniti

Il mercato alimentare Halal in America: criteri e certificazioni