L'Industria del Vino in America sta andando incontro a forti cambiamenti

Importare vino negli Stati Uniti

13/02/2018

L’industria del vino negli Stati Uniti sta attraversando un momento positivo con forti  cambiamenti nei modelli di acquisto e consumo

Allo Unified Wine Grapes & Grape Symposium di Sacramento in California sono state illustrate le tendenze emergenti nel mercato del vino in America 

Un grande cambiamento per l’industria del vino sta nel fatto che molte più persone fanno acquisti online. Mentre per gli acquisti fatti direttamente in negozio si tende a spendere di più (6,2% della spesa totale), le vendite di vino online rappresentano solo l’1% della spesa.

Si prevedono forti cambiamenti anche sul fronte del packaging. La stragrande maggioranza delle vendite di vino in America lo scorso anno riguardava bottiglie di vetro, seguite da contenitori di cartone e “bag in boxes”.

Il vino in lattina ha avuto un picco di vendita nell’estate 2017 e le vendite per lo scorso anno hanno raggiunto i $45 milioni, una crescita del 58% rispetto al 2016 e ancora di più rispetto alle vendite insignificanti del 2015. 

Nel futuro si prevedono cambiamenti anche nell’imballaggio. La maggioranza delle vendite di vino in Ameroca dello scorso anno infatti ha riguardato confezioni di vetro, seguite da scatole Tetrapak e scatole impermeabili. I vini in lattina hanno costituito un piccolo segmento delle vendite totali di vino, anche se sono in rapida ascesa. Il vino in lattina non resterà una moda passeggera, ma da qui a breve diventerà di tendenza.

Anche i dati demografici lasciano intuire grandi cambiamenti all’orizzonte. Generalmente, quando le persone invecchiano, tendono a scegliere vini più costosi. Al momento molti consumatori fanno parte della generazione dei Baby Boomers (nati tra il 1945 e il 1964) e della Generazione X (nati tra il 1960 e il 1980), mentre il più numeroso gruppo di consumatori (i Millennials) inizia ora ad acquistare vino.

Il 24° Annual Unified Wine & Grape Symposium si è tenuto a Sacramento e ha accolto 14.000 partecipanti. La fiera ha previsto quest’anno 673 espositori e una lista di attesa di oltre 100 venditori che vorrebbero partecipare all’evento. La lista d’attesa per esporre all’evento è lunghissima e in media ci vogliono circa tre anni prima di riuscire a partecipare.


« indietro ]