Trasferimento per lavoro negli Stati Uniti d'America

Trasferirsi in America

25/03/2018

La richiesta dei visti di lavoro per gli Stati Uniti d'America è una pratica che gestiamo molto spesso a seguito dell'apertura di una società in America

Le implicazioni legate alla richiesta di un visto per lavorare in America non sono solo tecniche ma anche, e forse di più, di tipo personale

Di seguito riportiamo lo stralcio di una mail tra ExportUSA e l'export manager per gli Stati Uniti che dovrà trasferirsi in America per conto della costituenda corporation. E' un dialogo che illustra molto bene la prospettiva umana e personale di chi si sta preparando al trasferimento per lavoro negli Stati Uniti

Qual è il visto migliore per lavorare negli Stati Uniti? Quali sono le implicazioni di un trasferimento per lavoro in America con un visto "L" rispetto ad un visto "E" da investitore? Posso poi ottenere la Green Card? Serve davvero avere la Green Card per lavorare negli Stati Uniti?

Queste sono alcune delle domande cui più di frequente rispondiamo durante la preparazione delle pratiche per la richiesta di visti "L" oppure "E" per trasferirsi negli Stati Uniti per lavoro



Visti di lavoro per gli Stati Uniti d'America: i visti cosiddetti "Dual Intent" ed il trasferimento per lavoro negli Stati Uniti


richiesta green card America



Come già illustrato nelle pagine di questo sito nella sezione dedicata ai visti per gli Stati Uniti, con la richiesta di un visto per l'America [visto per lavorare o anche visto d'altro tipo] scatta la presunzione che il richiedente voglia trasferirsi permanentemente negli Stati Uniti. È una presunzione che va vinta se si vuole ottenere il visto per il trasferimento di lavoro negli USA.


Ci riferiamo qui soprattutto alle tipologie di visti "L" per trasferimento di manager "intracompany" e al visto "E" per investitori.

Spesso poi ci vengono chieste informazioni su come chiedere e ottenere la Green Card per vivere negli Stati Uniti d'America. Va chiarito subito che la Green Card non è un visto, al contrario conferisce lo status di "US Resident", cosa che i visti per l'America di tipo "L" ed "E" non fanno in quanto, appunto, visti di categoria "Non Immigrant".

Esiste poi un'altra categoria tra i visti per gli Stati Uniti, ovvero quella dei visti "dual intent". I visti di tipo "H" e i visti di tipo "L" sono visti "dual intent" ovvero permettono a chi li richiede di avere da subito l'intenzione di chiedere la Green Card per vivere e trasferirsi negli Stati Uniti permanentemente.

Ciò non vuol dire che:

  • La Green Card sia concessa in automatico solo perché ho un visto "L" ad esempio;
  • Non si possa chiedere la Green Card se invece del visto "L" si ha un visto "E";
  • Inoltre, va sottolineato il fatto che la richiesta di Green Card per trasferirsi negli Stati Uniti può essere fatta solo a certe condizioni, e questo indipendentemente dal visto con cui si e' negli Stati Uniti [in realtà non è neppure necessario avere un visto per chiedere ed ottenere la Green Card]


"

On 23 Sep 2016, at 10:25, Lucio Miranda <info@exportusa.us> wrote:

BUONASERA ING. XXXXXX. SONO LUCIO MIRANDA, PRESIDENTE DI EXPORTUSA.

LE MIE RISPOSTE SONO IN MAIUSCOLO SOTTO AD OGNI PUNTO.
CORDIALMENTE,

Lucio Miranda

ExportUSA New York, Corp. 18 Bridge Street - Unit 2A Brooklyn, NY 11201
info@exportusa.us t: +1 718-522-5575 f: +1 508-374-0269 skype: lucio8

Buongiorno Dott.ssa Nussbaumer la ringrazio innanzitutto per la sua personale disponibilità durante l'incontro della scorsa settimana.

Le scrivo per un chiarimento in merito ai visti di lavoro per gli Stati Uniti d'America. Durante l'incontro non ho compreso alcuni punti legati al permesso di soggiorno in America e cittadinanza americana ma non mi sembrava quella la sede più opportuna per approfondire nel dettaglio il tema, visto l'ampio raggio di argomenti da affrontare.

Tuttavia questo punto è per me importante e le chiederei se possibile un maggiore chiarimento sulla differenza tra visti di tipo E Investitore e visti di tipo L Trasferimento Aziendale.

Al di là delle premesse su cui sono fondati i 2 visti (E2 business investor o L intracompany transfer), del fatto che entrambi sono i migliori tra i visti lavorativi permettendo al coniuge di lavorare e potendo essere rinnovati a vita (E2) o di richiedere la green card (L1), quello che mi sembra di aver capito al momento è questo:


[1]
La società XXX AMERICA CORP. dovrà avere un visto di tipo E in quanto investitore e, una volta ottenutolo, potrà "appoggiarsi" a tale visto E per assumere eventualmente personale non statunitense (chiaramente con dei requisiti ben precisi)

CORRETTO
LA CORPORATION POTRA’ ASSUMERE, SOTTO L’EGIDA DEL VISTO DA INVESTITORE, SECONDO QUESTE MODALITÀ:

  • E2 - ESSENTIAL EMPLOYEE, O ANCHE:
  • E2 - MANAGER



[2]
I dipendenti di XXX USA non statunitensi potrebbero essere quindi legati a visti E o, in particolari casi, di tipo L1

CORRETTO, SEMPRE CHE [PER IL VISTO L]:

  • ABBIANO L’ANZIANITÀ LAVORATIVA RICHIESTA, OPPURE
  • VADANO IN AMERICA PER AVVIARE LA SOCIETA’ [E QUINDI ABBIANO UNA QUALIFICA ED UNA ESPERIENZA LAVORATIVA DA MANAGER/DIRIGENTE; DURATA INIZIALE DI QUESTA TIPOLOGIA DI VISTO L 1 ANNO]



[3]
Avendo io acquisito un'anzianità in XXX maggiore di 1 anno consecutivo negli ultimi 3 anni posso chiedere un visto di tipo L1 (in questo caso L1A mi sembra di aver capito essere quello migliore).

CORRETTO


[4]
Il visto di tipo E2 è rinnovabile a vita mentre quello di tipo L1A, se non sbaglio, ha un massismo di 7 anni con rinnovabilità biennale/annuale (esiste la possibilità che un manager rimanga in USA per 7 anni con visto L1A, non gli si rilasci green card a fronte di una richiesta e infine venga espulso per semplice "scadenza del periodo massimo per visto L1”?)

IN TEORIA SI, PUO’ CAPITARE.


[5]
Il visto E2 è NON IMMIGRANT quindi non permette e non permetterà mai l'applicazione per una green card. Questa potrà essere richiesta in futuro sulla base di altri fattori dal titolare di visto E2 ma svincolati dal visto stesso e della società (su questo non mi è chiaro quali potrebbero essere tali fattori per cambiare status da visto E2 a una green card, a parte matrimonio con persona statunitense ovviamente)

visti L ed E Stati Uniti[6]
Il visto di tipo L1 è IMMIGRANT quindi permette percorso diretto alla residenza permanente, l' L1A addirittura "agevolato" rispetto ad altri tipi di visti lavorativi che prevedono la possibilità di applicazione della green card ma con trafile più lunghe.

IN REALTÀ NO.
ANCHE IL VISTO L PER GLI STATI UNITI E’ UN VISTO NON-IMMIGRANT, E, IN QUESTO SENSO, HA ANCHE LUI LIMITAZIONI ALLA RICHIESTA DI GREEN CARD. LA GREEN CARD PUO’ ESSERE CHIESTA NON PERCHE’ “HO GIA’ UN VISTO “L”, LA GREEN CARD PUO’ ESSERE CHIESTA PERCHE’ SONO SUCCESSI DEI FATTI SPECIFICI CHE RIENTRANO IN UNA DELLE CATEGORIE CHE MI PERMETTONO APPUNTO DI RICHIEDERE LA GREEN CARD.
ESEMPIO: HO SPOSATO UNA DONNA CITTADINA AMERICANA.

IN QUESTO SENSO, ANCHE IL VISTO E2 PERMETTE, TRASCORSO DEL TEMPO, DI CHIEDERE LA GREEN CARD. IL FATTO SPECIFICO, CHE RIENTRA IN UNA DELLE CATEGORIE CHE PERMETTONO DI CHIEDERE LA GREEN CARD PER GLI STATI UNITI, E’: “IL MIO BUSINESS NEGLI STATI UNITI, CHE HO AVVIATO E PORTATO AVANTI GRAZIE AL VISTO E2, HA AVUTO SUCCESSO” E QUINDI A QUEL POTRO’ CHIEDERE LA GREEN CARD [IL FORM PER QUESTA SPECIFICA RICHIESTA E’ L’ I-508]


[7]
Sulla base dei punti di cui sopra mi sembra che i 2 visti, per quello che riguarda il trasferimento per lavoro in America di un cittadino straniero, siano equivalenti ma con un vantaggio del visto L1 verso la possibilità di avere un permesso di soggiorno in futuro.

NON E’ ESATTAMENTE COSI’: VEDASI SOPRA.


[8]
Lato azienda invece mi sembra non esserci maggiori costi o difficoltà dato che sarà sempre e comunque appoggiata ad un visto E e avrà la possibilità di assumere personale con visto E2 (come ad esempio il secondo collaboratore di cui si parlava durante l'incontro)

IN REALTA’ IL VISTO L E’ PIU’ COMPLICATO E COSTOSO DEL VISTO E2 IN QUANTO PREVEDE LA [FORTE] INGERENZA DEL DEPARTMENT OF LABOR CHE DEVE DARE IL SUO PLACET [QUINDI IN REALTA’ DEVO IMBASTIRE DUE PRATICHE: UNA PER “CONVINCERE IL DEPARTMENT OF LABOR” E LA SECONDA PER CONVINCERE L’IMMIGRATION AMERICANA E PRESENTARE LA RICHIESTA DI VISTO L PER GLI STATI UNITI.


[9]
So che i punti sopra sono frutto di informazioni che possono essere parziali o da me mal interpretate e per questo vi chiedo un'aiuto nel capire meglio semplicemente perchè una strada è preferibile rispetto all'altra o perchè ad esempio il visto L1 (L1A) non è percorribile. Non so se avete del materiale esaustivo in merito, una persona di riferimento o addirittura possiate rispondermi brevemente se la scelta è basata su regole che individuano immediatamente il visto E2 come l'unico percorribile o migliore.

MI DICA SE QUANTO SOPRA CHIARISCE I DUBBI.
LA NOSTRA PREFERENZA VA ALL’E2 PER LA FLESSIBILITA’ CHE OFFRE. L’UNICO VANTAGGIO DEL VISTO L ALL’OCCHIO NON ESPERTO SEMBREREBBE ESSERE QUELLO DI NON RICHIEDERE L’INVESTIMENTO… IN REALTA’ POI PER IL RINNOVO DEL VISTO ALLA FINE DEL PRIMO ANNO DEVO RIUSCIRE A SODDISFARE TUTTA UNA SERIE DI STANDARD OPERATIVI [DIMENSIONI DELL’UFFICIO, COMPROVA DELL’ATTIVITA’ DI BUSINESS ETC.] CHE, DI FATTO, SI POSSONO SODDISFARE SOLO REALIZZANDO UN INVESTIMENTO, CON IN PIU’ L’ALEA CHE TUTTO CIO’ CHE PORTO A SOSTEGNO POSSA NON ESSERE CONSIDERATO ABBASTANZA [MENTRE ALMENO PER IL VISTO E2 HO LA LINEA GUIDA DELLA CONGUITA’ CON IL TIPO DI ATTIVITA’ CHE VADO A SVOLGERE]

--//

Vi ringrazio in anticipo per il vostro aiuto per questa consulenza: vorrei semplicemente avere le idee più chiare sulle motivazioni che stanno dietro a certe scelte/decisioni sia per mia informazione professionale sia perchè, come potete immaginare, questo tema è e sarà molto importante negli anni a venire anche nella mia vita privata.
Cordiali Saluti .......



"


« indietro ]