Visto di lavoro per gli Stati Uniti

30/05/2019

Qual è l'investimento minimo per il visto E2?

Quanto investire per poter ottenere il visto investitore per gli Stati Uniti?




Investire negli USA con il visto E2



Queste sono le due domande più frequenti da parte di coloro che contattano ExportUSA per fare richiesta del visto E2 e trasferirsi in America

La risposta è che non esiste un investimento minimo: il capitale da investire dipende dal tipo di attività che si intende aprire negli USA

La pratica di richiesta del visto E2 per gli Stati Uniti è complessa ed articolata in quanto ha diversi passaggi obbligati, ha una sua tempistica e richiede una serie di requisiti formali e sostanziali.

La fase più importante nella richiesta del visto da investitore è sicuramente la pianificazione dell'investimento. Ad esempio:

  • Analisi dell'attività da aprire negli USA.

  • Ammontare dell'investimento necessario per avviare l'attività.

  • Tempistica dell'investimento.

  • Classi di investimento ammissibili.

  • La figura dell'investitore: chi investe esattamente? Da dove provengono i fondi che finanziano l'investimento?

Ma, in senso molto molto pratico, la domanda centrale è e rimane: "Quanto devo investire per poter chiedere un visto E2?"

Tutte le questioni procedurali, burocratiche, amministrative, documentali, etc. si possono risolvere.. si tratta di riflettere sulle cose e poi di strutturare la pratica in maniera conforme alla normativa americana.

Ma se non ci sono i fondi per l'investimento è chiaro che non esistono proprio le basi per chiedere il visto E2 e c'è poco da fare: avere la somma minima da investire è la base irrinunciabile per poter anche solo pensare di chiedere il visto da "investitore" appunto.

Eccoci riornati quindi di nuovo alla domanda iniziale: "Quanto devo investire?"

Una risposta univoca NON c'è. La legge dice che ai fini del visto E2 l'investimento deve essere:

  • Adeguato per finanziare il tipo di attività da aprire.
    Da questo precetto normativo discende il fatto che non esiste "IL" numero magico che identifica l'investimento minimo. Se mi propongo di aprire uno studio di consulenza aziendale nella provincia dell'Alabama probabilmente lo posso fare anche con un investimento di $50.000. Ma se voglio aprire una fabbrica di automobili in California forse 100 milioni di dollari non bastano.

  • Non marginale.
    Al di la del fatto che l'investimento deve essere congruo con l'attività da avviare, l'investimento non può neppure essere marginale per cui, tornando all'esempio di cui sopra, dubitiamo fortemente che investire $50.000 in Alabama per aprire un'attività di consulenza aziendale sia sufficiente per ottenere il visto E2.

L'investimento deve poi avere anche altre caratteristiche ma qui ci concentriamo solo sulla dimensione numerica dell'investimento.



La leggenda urbana dell'investimento minimo di un milione di dollari

Esiste molta confusione tra il visto E2 ed il visto EB5

Molti clienti ci contattano convinti che per ottenere il visto E2 serva investire un milione di dollari. Non è così. L'idea di un investimento di un milione di dollari nasce dal visto EB5 che prevede il rilascio della Green Card a fronte di un investimento di un milione di dollari unitamente all'assunzione di almeno 10 cittadini americani per almeno due anni.

I cittadini italiani non hanno bisogno di usare questo visto per trasferirsi e lavorare in America perchè hanno a disposizione il visto E2. Perchè investire un minimo di un milione di dollari, assumere un minimo di 10 cittadini americani ed aspettare almeno due anni quando con il visto E2 si può investire una cifra inferiore, non avere vincoli stringenti di assunzione ed ottenere il visto in tempi più rapidi?

Per concludere: non esiste un investimento minimo per richiedere il visto E2 da investitore e ogni situazione richiede una analisi a sè.


« indietro ]