Ricchi pensionati e investitori immobiliari comprano case in Florida per pagare meno tasse

19/03/2020

Una crescente fetta della popolazione degli stati del Nord America si trasferisce in Florida per motivi finanziari

La Florida, soprannominata the Sunshine State (lo stato del sole), può offrire molto di più dell’estate tutto l’anno per i potenziali investitori immobiliari



Il mercato redditizio degli investimenti immobiliari in Florida



Il mercato immobiliare della Florida sud-occidentale è cresciuto notevolmente grazie alle persone che migrano dagli stati del nord per scappare dalla pressione fiscale

In Florida non esiste alcuna imposta sul reddito delle persone fisiche e i proprietari di immobili possono richiedere un'esenzione fino a $ 50.000 sulla loro residenza principale

Se il clima è da sempre una grande attrattiva per chi si vuole trasferire in Florida, un altro fattore che negli ultimi anni ha portato molti americani (e canadesi) a trasferirsi nel sud-ovest della Florida sono i vantaggi fiscali. Professionisti locali affermano che il mercato immobiliare della Florida sud-occidentale è cresciuto notevolmente grazie alle persone che migrano dagli stati del nord per scappare dalla pressione fiscale. I residenti di stati come New York e New Jersey, ad esempio, approfittano dell'opportunità di trovare uno sgravio in Florida, dove gli obblighi fiscali sono decisamente più bassi.

Gli americani in fuga dagli Stati del Nord America ad alta tassazione fiscale vanno a vivere in FloridaJohn Lachow, di Fort Myers, afferma che sono proprio le tasse il motivo del suo trasferimento in Florida. È un professore in pensione dell'Università del Massachusetts, che ha preso la residenza in Florida lo scorso anno. "A chi non piacerebbe pagare meno tasse se ne avesse la possibilità?", ha dichiarato Lachow, 61 anni, trasferitosi in Florida nel novembre 2018, dopo aver lasciato la sua cattedra come professore di economia per raggiunta età pensionabile. Vive in Florida circa sei mesi e mezzo l'anno, quanto basta per qualificarsi residente nello stato (sono sufficienti sei mesi e un giorno). I restanti mesi li trascorre in Massachusetts, dove ha ancora famiglia e una seconda casa, oltre a continuare ad insegnare a distanza alcuni corsi online per l'università. Lachow ha dichiarato che la sua decisione di trasferirsi era, in parte, motivata dal fatto che al sud poteva risparmiare. “Ottieni immediatamente agevolazioni fiscali immobiliari attraverso la proprietà della casa. Inoltre ricevi una riduzione delle imposte statali sul reddito.”

I proprietari di case in Florida possono richiedere un'esenzione fino a $ 50.000 sul valore della loro residenza principale, il che riduce il valore stimato della proprietà e la relativa imposta sulla casa pagata dal proprietario. Inoltre, Lachow ha dichiarato di essere stato in grado di risparmiare anche $ 7.000 l'anno circa, grazie al fatto che in Florida non esiste alcuna imposta sul reddito personale. Secondo una società che si occupa di servizio di gestione delle finanze personali, con sede a New York, la Smart-Asset, "i proprietari di case, in Massachusetts, devono sostenere alcune delle più ingenti pressioni fiscali annue sulle proprietà immobiliari, di qualsiasi altro stato d’America". Lo stato del Massachusetts ha un'aliquota fiscale effettiva dell'1,22%, che è superiore alla media nazionale dell'1,08%. Mentre l'aliquota fiscale effettiva della Florida si attesta in media sullo 0,98%, decisamente inferiore alla media nazionale, secondo Smart-Asset.

"Ero entusiasta della prospettiva di non dover più pagare l’imposta sul reddito e di pagare una tassa immobiliare che, in percentuale del valore della mia casa, è circa la metà dell’importo pagato in Massachusetts", ha dichiarato Lachow. "La prospettiva di venire qui ed eliminare alcune tasse o ridurre notevolmente alcune tasse immobiliari, ha sicuramente attirato la mia attenzione." Un altro esempio sono le tariffe elettriche: nonostante Lachow abbia unicamente il frigorifero funzionante e il riscaldamento acceso in una solo stanza della sua casa in Massachusetts, le bollette elettriche sono più alte di quelle della Florida, dove vive, sfruttando appieno l’intera casa, le cui dimensioni sono circa il doppio rispetto alla sua residenza in Massachesetts.

Lachow ha affermato di aver notato che stati come il Massachusetts e New York stanno perdendo popolazione di anno in anno. "Anche la California sta perdendo tantissime persone e aziende ogni anno, che si spostano verso Stati più convenienti, a basso reddito e un inferiore costo della vita come Idaho, Texas e Florida." Secondo le stime dell'Ufficio censimento degli Stati Uniti, tra il 2017 e il 2018, quasi 23.000 persone si sono trasferite nelle contee di Lee e Collier in Florida. "C'è un valido motivo se la popolazione è in cresciuta", ha affermato Lachow. "E non è solo il clima."



Pro e contro dell'ambiente fiscale in Florida

"Altri stati stanno diventando meno tax friendly", ha dichiarato Jannet Lough, analista politico senior presso la Tax Foundation, una think tank (gruppo di esperti) con sede a Washington, DC. “La Florida La Florida non ha tasse di proprietà o tassazione come nel resto degli Stati Uniti d'Americaè stata molto competitiva per diverso tempo, non avendo mai avuto un'imposta sul reddito delle persone fisiche. Altri stati stanno aumentando le imposte sul reddito o creando nuove tasse più onerose e ciò spinge molte persone ad andarsene”. In effetti, il Sunshine State si colloca al quarto posto degli Stati Uniti nella classifica che indica le migliori strutture fiscali messe in atto dallo stato per agevolare le imprese nel 2020. "Ci sono solo tre stati che hanno un ambiente fiscale globale più competitivo, ovvero un ambiente favorevole per le imprese, in cui i contribuenti si sentono trattati in modo equo", ha affermato. Uno dei motivi più significativi dell’alto posizionamento della Florida è sicuramente la totale mancanza di un'imposta sul reddito individuale.

Lough ha osservato che le imposte sul reddito sono generalmente più dannose per la crescita economica rispetto alle imposte sui consumi o sugli immobili perché le imposte sul reddito penalizzano il reddito incremetale per via della progressività delle imposte. L'imposta sul reddito delle società in Florida è piuttosto competitiva rispetto a molti altri stati: ha un'aliquota relativamente bassa ed è una tassa flat, il che significa che non è un'aliquota graduata che addebita importi più elevati a chi guadagna di più, ha affermato Lough. Rispetto a Stati come il New Jersey, che ha un'aliquota fiscale del 10,5%, il 4,45% della Florida è relativamente conveniente per le aziende. Secondo Lough, la Florida è un luogo ideale anche per ricchi pensionati, in quanto non ha tasse di proprietà o di successione. Pertanto, "è un buon posto dove andare a vivere per i pensionati che non vogliono pagare imposte sul trasferimento delle loro proprietà e/o che vogliono fare importanti donazioni ai loro eredi".

Nonostante tutti i vantaggi della Florida, Lough ha notato che c'è ancora spazio per effettuare migliorie sul trattamento fiscale da parte dello stato. Ha citato l'imposta sui beni personali tangibili, che si applica al valore dei beni materiali, come le attrezzature utilizzate in un'azienda. Il Dipartimento delle entrate della Florida definisce i beni personali tangibili come "tutti i beni, beni diversi dagli immobili e altri articoli di valore, che il proprietario può possedere fisicamente e avere valore intrinseco". Pertanto, la tassa si applica comunemente ad attività come attrezzature aziendali, mobili e automobili, secondo la Tax Foundation. "Sono proprio i terreni, i miglioramenti e gli edifici che dovrebbero essere soggetti all'imposta sulla proprietà", ha affermato.

Lough ha anche fatto riferimento alle mancanze di ammortamento del bonus applicate dalla Florida. L'ammortamento del bonus è un incentivo attraverso il quale le aziende possono detrarre una grande percentuale del prezzo di determinati beni, invece di cancellarli durante la vita di tali beni. “ Ai sensi del Tax Cuts and Jobs Act del 2017, quando un'azienda investe in macchinari e attrezzature, può cancellare il 100% di tale investimento nel primo anno, mentre il codice della Florida consente solo il 14%”. E ha continuato Lough " Ciò aumenta sostanzialmente il costo del capitale e rende più difficile per le aziende investire in macchinari e attrezzature. È una specie di penalità aggiuntiva per gli investimenti nello stato. " Infine, ha affermato che l'imposta sulle vendite nello stato dovrebbe essere “ampliata e modernizzata” in base al fatto che attualmente non si applica a numerosi servizi, come pulitura a secco, parcheggio, paesaggistica e altri servizi. "Avrebbe senso applicare l'imposta sulle vendite in modo neutrale a un'ampia base di beni e servizi di consumo finali", ha affermato. "Ciò genererebbe maggiori entrate per ridurre l'aliquota fiscale globale o altre aliquote fiscali"



Il mercato immobiliare della Florida sta crescendo grazie alla spinta dei "rifugiati fiscali"

"È stato sicuramente positivo per il mercato in Florida", ha affermato Bob Quin, agente immobiliare presso il dipartimento Max Realty Team di Cape Coral, che ha rappresentato Lachow nell’acquisto della sua casa in Florida. "Risparmiare in termini di tasse è un grande vantaggio, soprattutto per i pensionati americani, che trasferendosi da uno stato ad alta imposta, alla Florida, si vedono ridurre notevolmente le imposte sul reddito. “E questo è un motivo più che sufficiente per le persone.” Quin ha riferito che il trend positivo degli ultimi anni, che vede sempre più persone acquistare case in Florida e prendere la residenza, altro non è che una fuga dalla tassazione più  sfavorevole applicata negli Stati d’America da cui provengono.

Quin si trasferì nel sud-ovest della Florida alla fine degli anni '70 e disse che all'epoca la popolazione di Cape Coral (e in tutta la regione) era composta principalmente da pensionati del Midwest. Inizialmente ciò che li portava in Florida era la fuga dagli inverni rigidi, e spesso la loro abitazione nel sud-ovest della Florida era una seconda residenza stagionale. Molte di queste persone mantenevano comunque la loro residenza principale al nord. Ma negli ultimi anni si è invertita la rotta, ha dichiarato Quin, poiché il costo per mantenere due case è aumentato e i residenti hanno optato per mantenere le loro sedi principali in Florida allettati da un’imposizione fiscale di gran lunga inferiore.

"Ciò è particolarmente vero in quanto le tasse sulla proprietà e sul reddito negli stati del nord hanno continuato ad aumentare", ha affermato Quin. “Nel tempo, è diventato un problema. Le persone si stanno ancora trasferendo qui per scappare dal freddo e dalla neve (per questo vengono soprannonimate snowbirds), ma fuggire da uno stato ad alta fiscalità è diventata un'altra priorità fondamentale ".

Quin ha anche affermato che i progressi tecnologici hanno permesso alle persone di mantenere il proprio lavoro nello stato di provenienza al nord, lavorando in remoto dalle loro nuove case in Florida e continuando a ricevere comunque i benefici fiscali. Tuttavia, alcuni di questi stati ad alta fiscalità stanno cominciando ad esaminare sempre più attentamente le persone che migrano in Florida o in altri stati del sud. È quindi fondamentale che i nuovi residenti che si trasferiscono "procedano nel modo giusto, perché sta aumentando la richiesta di audit sulla residenza", ha riferito Quin. "Esiste una crescente probabilità che i loro ex stati ad alta tassazione li esaminino da vicino per assicurarsi che siano residenti legittimi in Florida, con l’obiettivo di recuperare le entrate fiscali da tutte le persone che hanno lasciato il loro stato. "E c’è la possibilità che questo monitoraggio da parte degli stati del nord che inseguono le persone mentre sono in vita (e le loro proprietà), si estenda anche agli eredi dopo la loro morte. Quin ha suggerito che i nuovi residenti, al momento del trasferimento, si consultino con un commercialista certificato con sede in Florida e un avvocato specializzato in pianificazione patrimoniale con sede in Florida.

John Earl, un agente di John R. Wood che segue regolarmente alcuni dei clienti più abbienti che si trasferiscono a Naples, è d’accordo sul fatto che questo esodo di massa stia favorendo il mercato locale. "Non c'è dubbio che" i rifugiati fiscali "che vengono qui sono un grande affare per noi", ha affermato Earl. “Penso che molte di queste persone intelligenti e di successo si stiano trasferendo qui per allontanarsi dagli oneri fiscali degli stati settentrionali, che continuano ad aumentare le tasse. Allo stesso modo, alcuni le persone meno abbienti potrebbero trasferirsi in Florida per trarre vantaggio dalle opportunità finanziarie. E così trasferirsi in Florida oggi denota una vera e propria tendenza. Earl ha affermato che alcuni titani dell'industria sono stanchi delle alte tasse applicate in altri stati e con il loro trasferimento in Florida stanno attuando una forma di protesta. Ha menzionato anche il presidente Donald Trump, che recentemente ha trasferito la sua residenza principale da Manhattan a Palm Beach. Il presidente ha twittato dopo la notizia denunciando "milioni di dollari in tasse locali e statali" che paga ogni anno a New York. "Si è trasferito a Palm Beach perché non poteva permettersi di pagare?" Chiese Earl. "No. È più un atto di protesta: distanziarsi dalla disfatta di New York".



Con l’aumentare della popolazione che va a vivere in Florida cresce anche il mercato immobiliare nell’area sud-ovest

Pablo Ventimilla, presidente del mercato del sud-ovest della Florida per la Centennial Bank, ha affermato che l'edilizia commerciale e residenziale della Florida subì una "brusca frenata" con la crisi finanziaria del 2008, causando la mancanza di nuovi residenti. Ora, con la ripresa dell'economia e il costo della vita in aumento negli stati settentrionali, il mercato immobiliare si è ripreso, ha affermato Ventimilla. "Siamo tornati alla migrazione. C'è ancora molta terra in Florida e si vedono moltissimi edifici e case nuove: è un cantiere aperto qui. Le imprese di costruzioni stanno anticipando la richiesta di potenziali nuovi residenti e continuano a costruire ".

“Insieme alla domanda, l'attuale ambiente a basso tasso di interesse per i mutui, consente ai nuovi residenti di acquistare più di quanto previsto, che, insieme a un minor costo della vita in Florida, rende questa meta ancora più ambita”. Ha dichiarato Ventimilla. “Ma questa grande migrazione in Florida ha anche altre conseguenze sul mercato, l'aumento dei prezzi immobiliari", ha detto Ventimilla. " Le abitazioni accessibili sono una grande sfida qui."


ARTICOLI CORRELATI

Aprire una società in Florida 

Il Visto E2 per trasferirsi in America


« indietro ]