Gli Stati Uniti diventano il maggior produttore mondiale di petrolio

Implicazioni equilibri mondiali del rialzo del prezzo del petrolio

14/09/2018

Aggiornamento del 13 Settembre 2018 alla news di ExportUSA pubblicata il 18 Febbraio scorso e riportata in calce:

L'America diventa il maggior produttore mondiale di petrolio con un'estrazione di quasi 11 milioni di barili al giorno. Prevediamo una ulteriore espansione dell'economia americana e dell'importazione in America di macchinari e beni industriali

US Energy Information Administration: Dati sulla produzione di petrolio in America aggiornati al 13 Settembre 2018



Gli Stati Uniti diventano il maggior produttore mondiale di petrolio


======

Il rialzo dei prezzi del petrolio offre agli Stati Uniti una nuova occasione in materia di politica economica per il riequilibrio del deficit della bilancia commerciale. L'America diventa l'arbitro delle politiche petrolifere mondiali

Il notevole aumento dei prezzi del petrolio avvenuto negli ultimi mesi ha portato ad una ripresa della produzione petrolifera americana, consentendo al Paese di sfidare il dominio dell'Arabia Saudita e di smorzare le pressioni sui prezzi al consumo

 

Implicazioni del rialzo del prezzo del petrolio sull'economia americana

La conseguenza diretta dell'aumento del prezzo del petrolio è stato il record di produzione di petrolio degli Stati Uniti cui è seguito un aumento delle esportazioni di petrolio.

I benefici in termini macroeconomici sono due: da una parte minori importazioni di greggio dall'estero e dall'altra maggiori esportazioni per la vendita del petrolio esportato.

Entrambi i fattori contribuiscono alla correzione del deficit della bilancia commerciale americana e anche a quello del deficit del bilancio federale attraverso un aumento del gettito fiscale federale.

Da ultimo, aumentano i consumi in conseguenza dell'aumentato reddito generao e redistribuito in seguito alle aumentate esportazioni.

Sono ripartite le esportazioni di petrolio dell'America. Un potente aiuto al riequilibrio del deficit della bilancia commerciale americana. Gli Stati Uniti diventano il paese leader nelle politiche petrolifere mondiali

Il successo è arrivato a fronte degli sforzi compiuti dall'Arabia Saudita e dai suoi alleati petroliferi per indebolire le trivellazioni di scisto negli Stati Uniti. Questa strategia non solo è fallita ma alla fine ha apportato dei benefici all'industria petrolifera.

Il superamento di tre anni di calo di prezzi ha dimostrato la capacità di recupero del boom dello scisto. Le società di energia e i loro finanziatori sono riusciti a resistere alle turbolenze del mercato e alle manovre del cartello petrolifero globale, adeguando le tecniche di esplorazione e di estrazione.

Dopo un doloroso scossone nel settore, con decine di fallimenti e una significativa perdita di posti di lavoro, l'industria americana di perforazione di scisto si sta riprendendo, grazie a società meglio finanziate.

Con il prezzo medio del greggio [West Texas Intermediate] sopra i 65 dollari al barile, un livello mai visto in quasi tre anni, gli Stati Uniti stanno diventando uno dei produttori dominanti. Il Paese infatti è ora in grado di aggirare i concorrenti nel rifornire mercati globali in crescita, in particolare Cina e India, tagliando al contempo le importazioni dal Medio Oriente e dal Nord Africa.

Quest'anno gli Stati Uniti dovrebbero superare l'Arabia Saudita e rivaleggiare con la Russia come il leader mondiale, grazie ad una produzione record di oltre 10 milioni di barili al giorno, secondo l'Agenzia Internazionale dell'Energia.

"Questa è una svolta per gli Stati Uniti e gli impatti di questo cambio di direzione si faranno sentire in tutto il mondo" - ha detto Daniel Yergin, storico dell'economia e autore di The Prize: The Epic Quest for Oil, Money and Power - "Infatti questo contribuisce alla sicurezza energetica non solo degli Stati Uniti ma anche di quella mondiale, portando nuove forniture al mondo ".


Chart storica produzione di petrolio degli Stati Uniti
La Produzione di Petrolio degli Stati Uniti [Migliaia di Barili/giorno]


Allo stesso tempo, gli Stati Uniti stanno diventando un importante esportatore di gas naturale, un'altra conseguenza della rivoluzione dello scisto, che ha indebolito il dominio energetico russo sull'Europa orientale.

Il miglioramento del quadro energetico si è registrato da quando l'amministrazione Trump ha tentato di aumentare le trivellazioni in mare aperto e di spingere altre normative sullo sviluppo dei combustibili fossili. Ma se l'aumento della produzione di petrolio e di gas nei giacimenti di scisto durante l'amministrazione di Barack Obama ha avuto poco a che fare con Washington, ora l'attuale aumento è il risultato della risposta di società private ai mercati globali.

I giacimenti di scisto possono essere lavorati in tempi relativamente brevi e a costi modesti rispetto a progetti più grandi, sia a terra che in mare aperto, che un tempo erano favoriti dalle grandi compagnie petrolifere. Ciò rende più facile attivare o disattivare le chiusure degli investimenti per adattarsi alle fluttuazioni del mercato. Aziende come Exxon Mobil e Chevron stanno aumentando gli investimenti nei giacimenti di scisto, in particolare nel Texas occidentale e nel New Mexico.

I risultati del nuovo trend del mercato petrolifero vanno ben oltre la sfera economica, in quanto vengono offerte armi strategiche a Washington una volta impensabili. Gli Stati Uniti e i loro alleati hanno ora un cuscinetto di offerta in un momento in cui le turbolenze politiche in Venezuela, Libia e Nigeria minacciano di interrompere i flussi verso i mercati


Solo pochi anni fa, tali minacce - insieme a un recente guasto al gasdotto nel Mare del Nord e alle tempeste nel Golfo del Messico - avrebbero fatto salire il prezzo del greggio. Invece, l'aumento è stato tenue e la benzina rimane sotto i 2,60 dollari al gallone nella maggior parte degli Stati Uniti. Il nuovo potere energetico dell'America allevia anche la pressione su Washington per agire militarmente nel caso in cui le tensioni tra Iran e Arabia Saudita minacciassero una guerra. E dà a Washington il margine di manovra per applicare sanzioni ad altri produttori - come ha fatto in Russia, e come potrebbe accadere in Iran o in Venezuela - con molti meno rischi per l'economia globale.

Oggi si registra un netto contrasto con gli anni '70, quando i boicottaggi del petrolio arabo costrinsero gli automobilisti a schierarsi a blocchi per riempire le loro auto mandando in tilt l'economia. Ancora più recentemente, durante la presidenza di George W. Bush, la produzione petrolifera interna era diminuita così rapidamente che il paese aveva avviato le procedure per sostituire il petrolio con i biocarburanti come l'etanolo.

Molti ambientalisti sostengono che aumentando le forniture di petrolio e gas e abbassando i prezzi per i consumatori, la trivellazione dello scisto stia allungando la vita dei combustibili fossili a scapito dell'ambiente e dello sviluppo di forme di energia più pulite.

La rivoluzione della trivellazione dello scisto ha dato nuova forma al mercato globale dell'energia, facendo crollare le importazioni dai membri dell'Organizzazione dei Paesi Esportatori di Petrolio del 20% tra la fine del 2016 e la fine del 2017


Allo stesso tempo, le esportazioni di petrolio degli Stati Uniti sono aumentate di centinaia di migliaia di barili al giorno. Nulla di simile alla situazione attuale era stato previsto alla fine del 2014, quando l'aumento della produzione interna aveva iniziato a pesare sui prezzi del petrolio globale.

In risposta, l'Arabia Saudita ha guidato l'OPEC in una nuova direzione. Invece di limitarsi a sostenere i prezzi, come il cartello aveva fatto spesso in passato, ha lasciato il mercato da solo e ha addirittura aumentato la produzione per un certo periodo.

I prezzi sono scesi sotto i 40 dollari al barile, poiché i sauditi e i loro alleati speravano di far fallire le operazioni americane rendendo la perforazione di scisto la soluzione meno economica. L'esplorazione americana è rapidamente diminuita, ma la compressione dei prezzi ha reso le aziende più innovative nell'uso delle tecnologie di perforazione, della robotica e dei sensori per massimizzare la produzione e ridurre i costi


Chart del prezzo del petrolio
Chart del Prezzo del Petrolio [dollari al barile]


Mentre decine di aziende di piccole dimensioni hanno dichiarato fallimento, i sopravvissuti hanno ingrandito i pozzi orizzontali per produrre più petrolio, e hanno utilizzato strategie di copertura e di perforazione intelligenti per massimizzare i profitti anche in previsione di crolli dei prezzi.

Le reazioni hanno sorpreso la comunità petrolifera globale: l'OPEC, la Russia e i paesi produttori alleati hanno cambiato rotta e hanno iniziato a ridurre di nuovo nel 2016.

"L'OPEC non ha capito il punto - ha detto René Ortiz, ex segretario generale dell'OPEC ed ex ministro dell'Energia dell'Energia - Pensavano di poter recuperare il mercato degli Stati Uniti abbassando i prezzi. Ora gli Stati Uniti hanno conquistato la posizione di leader nel mercato petrolifero mondiale, indipendentemente da ciò che fa l'OPEC. "

"Questo spostamento di petrolio saudita, petrolio nigeriano, petrolio libico e petrolio venezuelano" - ha concluso Ortiz - non è mai stato previsto". Una settimana fa, i leader dell'OPEC si sono incontrati in Oman per discutere di una possibile estensione dei tagli di produzione nel 2019 a sostegno dei prezzi. Il loro più grande ostacolo sono gli Stati Uniti.

I progressi tecnologici che consentono al petrolio di staccarsi da rocce come lo scisto hanno portato ad una frenesia di perforazione che ha permesso di raddoppiare la produzione di petrolio degli Stati Uniti nel corso dell'ultimo decennio, trasformando luoghi improbabili come il Nord Dakota e il Nuovo Messico in centri petroliferi di classe mondiale. Lungo il Texas vengono costruite condutture per servire i porti dove il petrolio può essere immesso su petroliere dirette verso la Cina, l'India e altri mercati.

La produzione interna dello scorso anno ha registrato una media di 9,3 milioni di barili al giorno e il Dipartimento dell'Energia prevede che la cifra salirà a 10,3 milioni di barili al giorno quest'anno, superando il record stabilito nel 1970.

Nel frattempo, da quando un divieto di esportazione che era attivo da 40 anni è stato tolto nel 2015, le esportazioni di petrolio americano sono aumentate a circa due milioni di barili al giorno, più di quanto contano quotidianamente molti paesi membri dell'OPEC. 


Grafico delle esportazioni di petrolio degli Stati Uniti -2018

Le Esportazioni di Petrolio degli Stati Uniti [Migliaia di Barili/giorno]


Il Dipartimento dell'Energia prevede un ulteriore aumento della produzione interna di 500.000 barili al giorno entro il 2019
. Le preoccupazioni per i cambiamenti climatici, la crescente popolarità delle auto elettriche e l'eventuale invecchiamento dei giacimenti più ricchi di scisto probabilmente ridurranno la produzione e la domanda nei prossimi decenni. Ma nel breve termine, il recente boom ha cambiato il panorama.

Il dipartimento dell’energia prevede che la recente impennata manterrà il prezzo del greggio Brent, il benchmark globale, a 60 dollari al barile nel 2018 e 61 dollari nel 2019 - un aumento modesto rispetto ai 54 dollari dello scorso anno (il prezzo del Brent è salito sopra i 70 dollari al barile questo mese, ma pochi analisti intravedono un ritorno al prezzo di 100 dollari al barile).

Ciò che emerge da questo quadro è un equilibrio stabile di potere. L'Arabia Saudita, che essenzialmente gestisce l'OPEC, ha messo sotto pressione il prezzo del petrolio, probabilmente intorno ai 50 dollari al barile, con i suoi limiti sulla produzione e sulle esportazioni negli ultimi quattro anni.

Ma ora gli Stati Uniti, con la sola forza della loro produzione, possono avvalersi della loro tecnologia migliorata e di un ineguagliabile oleodotto, raffineria e struttura di stoccaggio, tutti fattori che hanno permesso al Paese di mettere un proprio limite al prezzo


Gli esperti osservano che quando il petrolio è salito a 60 dollari al barile e oltre, come è accaduto ultimamente, sono aumentati gli impianti di perforazione in America di oltre un terzo nell'ultimo anno, promettendo di riempire gli inventari energetici nazionali e persino globali. Un aumento dei dei prezzi a questo punto è probabile solo se avvenisse un'importante guerra o altri importanti sconvolgimenti.


« indietro ]