+39 0541-709073

Esportazioni di Gas Naturale dall'America

Aggiornamento e commenti sulla politica energetica americana




Dati IEA su estrazione gas naturale negli USA
 



La produzione record di gas americano genera i primi accordi di esportazione con l'Europa

Un'occasione per l'Europa di negoziare e riorientare la politica commerciale americana

Di qui ai prossimi 5 anni, il 75% dell'aumento delle esportazione di gas naturale arriverà dall'America.
Questa è la previsione di Faith Birol, Executive Director della IEA - [Energy Information Administration] 

I dati dello U.S. Department of Energy confermano il record di produzione di gas naturale per l'America di Febbraio quando l'estrazione ha superato gli 89 miliardi di piedi cubici al giorno. 

In contemporanea, le importazioni di petrolio degli Stati Uniti sono scese a 1.5 miolioni di barili al giorno nel 2018, il minimo storico da 50'anni a questa parte. Lo IEA prevede la piena indipenza energetica dell'America a partire dal 2020.

L'America deve esportare il gas naturale che produce e questo era stato uno dei temi centrali dell'incontro tra il Presidente Trump e Junker nel Luglio 2018 come riportato da ExportUSA.

Gli sviluppi di quell'incontro sul tema dell'esportazione americane di gas naturale in Europa si sono visti il 2 Maggio di quest'anno con il Segretario all'Energia per gli Stati Uniti, Rick Perry, in visita a Bruxelles ha firmato due accordi di fornitura di GNL all'Europa. Si prevede che le importazioni europee di gas naturale liquefatto dall'America raddoppieranno nei prossimi cinque anni.

Le implicazioni per la politica estera americana e per gli equilibri geopolitici mondiali legati ai nuovi scenari dei flussi export di petrolio e gas naturale sono profonde. Basta leggere i commenti del Segretario Perry durante lo  High-Level Business-to-Business Energy Forum  a Bruxelles sul significato politico degli accordi per la fornitura di gas all'Europa appena firmati in rapporto alla costruzione del gasdotto Baltic 2 in Germania per la fornitura di gas dalla Russia.  

Riteniamo che gli sviluppi in America e nel mondo per ciò che riguarda estrazione, esportazione e forniture di gas naturale e petrolio, formino una base solida e di lungo periodo per la crescita dell'economia americana. Crescita di cui non abbiamo ancora visto l'apice e che ha le radici in una riduzione del deficit della bilancia commerciale americana, a cui si aggiungerà la riduzione del deficit di bilancio sostenuto da un maggior gettito fiscale, un aumento di consumi ed una riduzione del tasso di disoccupazione.


 

News ExportUSA del 14 Aprile 2014

Export gas naturale: gli Stati Uniti d’America si preparano a esportare gas naturale in Europa.
Gli Stati Uniti d'America hanno una disponibilità di gas naturale molto superiore alle loro esigenze interne. La strada dell'esportazione potrebbe portare grandi benefici sotto molti punti di vista per l'economia del paese.
 

Già nel 2014 una analisi sulle estrazioni di gas naturale negli USA di ExportUSA anticipava gli sviluppi recenti della politica energetica degli Stati Uniti nei confronti dell'Europa

L'eccesso di produzione di gas naturale spinge l'America a cercare sbocchi per l'export di petrolio e di GNL

I dati a Gennaio 2014 parlano chiaro, in America il 40% circa della produzione di gas naturale in North Dakota viene sprecata.

In cifre circa 400 milioni cubi di metri cubi di gas naturale. Questo fatto è dovuto in buona parte ai prezzi che non rendono conveniente trasportare il gas e venderlo sul mercato americano o estero. La produzione di gas naturale negli Stati Uniti d'in America infatti cresce ogni anno. Secondo l’agenzia americana per l’energia la produzione di gas crescerà del 2,5% quest’anno e di un’altro 1,1% nel 2015. Quest’abbondanza di fornitura tiene e terrà bassi i prezzi di gas naturale in America sul mercato interno. Con i prezzi del gas cosi bassi però le società di carburanti e gas non hanno incentivi a costruire infrastrutture per trasportare il gas. E cosi il cerchio si chiude, facendo sprecare una buona fetta della produzione di gas naturale in America.

Questo è quello che in buona sostanza è successo quest’anno in particolare in North Dakota (ma anche in molte altre parti degli Stati Uniti) dove c’erano troppi pochi tubi e troppo poca capacità di lavorare il gas naturale estratto in confronto alla mole di gas naturale prodotto.

Secondo i dati forniti dalla Energy Information Administration dal 2010 la percentuale di gas sprecata sul totale prodotto dagli USA è del 15% annuo cioè 3,8 trilioni di metri cubi di gas naturale per un valore economico di circa 15,2 miliardi di dollari. Questo ammontare è stato buttato perchè non esistono gasdotti per portarlo ai terminali export ad esempio.

Da qui il progetto degli Stati Uniti di iniziare ad esportare questo eccesso di gas naturale verso l’Europa (che è al contrario alle prese con problemi di fornitura e sempre costretta a negoziati con la Russia). In questo senso Eni dovrebbe iniziare ad importare di gas naturale dall'America verso l’Italia entro il 2018.

Il tutto potrebbe essere un grande volano per tutta l’economia statunitense poichè non comporterebbe un aumento dei prezzi del gas per il mercato interno essendo disponibile in grande quantità ma allo stesso tempo grazie all'export di gas naturale si stimolerebbe la crescita economica, la domanda interna americana ed i consumi, riducendo al tempo stesso la disoccupazione in America, il deficit della bilancia commerciale americana ed il deficit di bilancio degli Stati Uniti.

Articoli correlati

petrolio_stati_uniti.jpg
09 May 2020

Produzione di petrolio in crescita: gli Stati Uniti verso l'autosufficienza energetica

La produzione di petrolio e gas naturale più che raddoppiata negli ultimi 10 anni renderà gli Stati Uniti un paese esportatore entro il 2030